Cultura
Sport e beneficenza

Tutti in campo per battere la fibrosi cistica

Prosegue nello stadio comunale di Inzago il triangolare calcistico benefico che vede impegnate Giana Erminio, Virtus Ciserano e Ac Crema. L'evento si concluderà domani, domenica 6 giugno 2021, alle 18.

Tutti in campo per battere la fibrosi cistica
Cultura Cassanese, 05 Giugno 2021 ore 14:21

Tutti in campo per battere la fibrosi cistica a Inzago. Domani, domenica 6 giugno 2021, terza e ultima partita del triangolare di calcio benefico per gli Under 17.

A Inzago tutti in campo per battere la fibrosi cistica

Una piacevole risposta di pubblico nonostante il clima estivo per il torneo benefico organizzato dal Gs Virtus con il patrocinio del Comune di Inzago. E' la seconda edizione di in Campo per un respiro, un triangolare di calcio fra squadre professionistiche che da giovedì 3 a domenica 6 giugno vede impegnate l'As Giana Erminio di Gorgonzola, la Virtus Ciserano Bergamasco e l'Ac Crema 1908.

Le partite

Giovedì pomeriggio si è svolta la gara inaugurale tra le formazioni Under 17 dell'As Giana e dell'Ac Crema 1908, e ha visto imporsi i nazionali gorgonzolesi ai calci di rigore (5-4), dopo novanta combattutissimi minuti a reti inviolate. Venerdì, invece la gara tra Virtus Ciserano Bergamo 1909 e Ac Crema 1908 è stata molto divertente, che si è conclusa con il risultato di 3 a 1 a favore dei bergamaschi, che ora si contenderanno il primo posto con l'As Giana Erminio nel match conclusivo previsto per domani, domenica alle 18.

4 foto Sfoglia la gallery

Lo scopo dell'evento

Scopo della manifestazione, che ha visto battere all'unisono i cuori di tutti i giovani protagonisti per un'unica grande causa, è aiutare la Fondazione Ricerca fibrosi cistica. Il biglietto di ingresso è infatti interamente devoluto alla delegazione di Milano dell'ente.

La fibrosi cistica

Fibrosi cistica è la malattia genetica più diffusa in Italia (in passato chiamata mucoviscidosi), presente dalla nascita in quanto dovuta a una mutazione del gene Cftr. Chi nasce malato ha ereditato sia dal padre sia dalla madre una copia del gene mutato. I genitori sono, quasi sempre senza saperlo, portatori sani di una copia di tale gene, che normalmente determina la sintesi di una proteina chiamata Cftr (Cystic fibrosis transmembrane conductance regulator), deputata al regolare funzionamento delle secrezioni di molti organi. In Italia c’è un portatore sano ogni 30 persone circa. La coppia di portatori sani, a ogni gravidanza, ha una probabilità su quattro di avere un figlio malato.