Cultura
Bellezze da scoprire

Le giornate Fai d'Autunno fanno tappa a Crespi e a Fara

Capriate San Gervasio e Fara Gera d'Adda potranno essere visitate il 15 e 16 ottobre 2022 con delle guide d'eccezione.

Le giornate Fai d'Autunno fanno tappa a Crespi e a Fara
Cultura Isola, 05 Ottobre 2022 ore 18:07

Fara, Crespi e il magico  fiume Adda nel suo tratto pianeggiante: tornano le giornate Fai d'autunno. Sabato 15 e domenica 16 ottobre  2022 si terrà l’undicesima edizione dell’evento culturale che ha conquistato di anno in anno l’interesse del pubblico curioso di scoprire le bellezze che il nostro territorio custodisce.

Fara, Crespi e il magico Adda di pianura alle giornate Fai d'autunno

Il fiume Adda, e in particolare il suo corso di pianura, sarà uno dei soggetti principe di questa undicesima edizione, insieme alla Val Cavallina e a Bergamo città. “Ci muoveremo fra città ideali, case private, testimonianze industriali, ville urbane, luoghi del lavoro e della vita quotidiana” spiegano gli organizzatori dell’undicesima edizione delle Giornate FAI d’autunno.

“Un elemento forte della proposta per queste giornate è la scoperta di 3 comunità attraverso percorsi inusuali di visita, con il diretto coinvolgimento dei residenti e del tessuto sociale e produttivo, per raccontare luoghi vivi o che auspicano di tornare ad esserlo. Gli itinerari sono frutto di elaborazioni originali da parte della Delegazione e dei suoi gruppi, in stretta relazione con le realtà locali, collaborazioni indispensabili per costruire proposte che possano avere uno sviluppo futuro – continua la delegazione bergamasca del Fondo - Come sempre un grande ringraziamento va alla disponibilità dei proprietari che hanno consentito l’apertura al pubblico dei beni, alle amministrazioni comunali che hanno aderito con entusiasmo alle Giornate FAI e alle tante persone e realtà locali che si sono lasciate coinvolgere e travolgere in questa festa del volontariato culturale”.

Con l’edizione 2022 le Giornate FAI d’Autunno tornano alla loro veste pre pandemica: la maggior parte delle visite saranno prive di prenotazione, con corsia preferenziale di accesso in loco per gli iscritti FAI.

I percorsi tematici

  • “Dentro le case di Crespi d’Adda”, Itinerario nel Villaggio Operaio di Crespi d’Adda (Capriate San Gervasio)
  • Le Case, le Ville, i Palazzi (Trescore Balneario)
  • Il Paesaggio Fragile e l’Acqua Salvata. Percorsi tra Architettura e Natura, con 3 distinti itinerari tra i Lavatoi, il Villaggio Industriale, l’Ex Linificio Canapificio Nazionale e la Passerella sull’Adda (Fara Gera d’Adda)

Crespi: il villaggio operaio raccontato dai residenti

Panorama-GFA-2022-Crespi-Osvaldo-Torri
Foto 1 di 5
La-Casa-Operaia-GFA-2022-Crespi-Osvaldo-Torri
Foto 2 di 5
L_Ex-Caserma-dei-Carabinieri-GFA-2022-Crespi-Silvio-Monaco
Foto 3 di 5
Il-Magazzino-GFA-2022-Crespi-Osvaldo-Torri
Foto 4 di 5
I-Palazzotti-GFA-2022-Crespi-Osvaldo-Torri
Foto 5 di 5

“Sabato 15 e domenica 16 le signore Valeria, Santina, Maria e Fiorella, i signori Luigi e Antonio, il parroco emerito, apriranno le porte delle loro case per accoglierci e raccontare come era e come è la vita in un luogo tanto importante da essere parte del patrimonio mondiale Unesco – spiega il Fai - La passeggiata ad anello nel villaggio operario di Crespi, un Luogo del Cuore al vertice della classifica del censimento 2022, diventa incontro e dialogo con la quotidianità di oggi e di ieri, un percorso sospeso fra nostalgia e slancio verso il futuro attraverso case, magazzini, caserme, cascine”.

Gli iscritti potranno visitare il Mausoleo, per la prima volta

Per garantire un flusso ordinato nelle case private, il percorso, accompagnato, sarà fruibile su prenotazione. Grazie alla disponibilità straordinaria della Famiglia Crespi, solo nel pomeriggio di sabato 15 ed esclusivamente su prenotazione e per iscritti Fai, sarà possibile visitare il Mausoleo, un omaggio a chi ha immaginato questo villaggio ideale che ha cambiato, in meglio, la vita di migliaia di persone.

Il paesaggio fragile e l'acqua salvata

“La pianura porta in regalo Fara Gera d’Adda, con le suggestioni de Il Paesaggio Fragile e l’Acqua Salvata: Percorsi tra Architettura e Natura – questo il secondo percorso nella Bassa, intitolato “Alla scoperta dei Lavatoi” - Ci immerge in un tempo antico di fatica domestica, ma anche di incontro e ritrovo. Il percorso botanico Tra architettura e natura conduce all'interno del Parco Adda Nord in cui si potranno ammirare tre ambientazioni distinte: zone umide, ambienti boscosi e ambienti palustri”.

L’ex Linificio e Canapificio Nazionale divenne a partire dal 1870, il più importante stabilimento per la filatura del lino e della canapa in Europa. Le visite attraverso la fabbrica e la centrale idroelettrica, con narratore d’eccezione Daniele Lena, ex dipendente della Centrale Idroelettrica del Linificio Canapificio Nazionale, si concluderanno con una passeggiata lungo un sentiero che costeggia il canale di derivazione (non utilizzabile in altri momenti dell’anno perché privato). Per queste visite, sempre in gruppo e guidate, non è prevista prenotazione, con l’accesso preferenziale agli iscritti Fai che salteranno l’eventuale coda.

La visita a Basilica Autarena, le tombe longobarde sotterranee e il palazzo dei vescovi, riservata ai soli iscritti Fai, completa le proposte di scoperta di Fara Gera d’Adda. Gli scavi hanno portato alla luce le tombe longobarde che sono visitabili solo scendendo nei sotterranei della basilica: 5 visitatori per volta, bardati di caschetto di sicurezza e torcia a fronte, potranno partecipare a questa eccezionale discesa non essendo il luogo accessibile nel corso dell’anno.

Per informazioni sugli altri siti visitabili potete consultare il sito di PrimaTreviglio

 

 

 

Seguici sui nostri canali