Cultura

Insomnia time, dall’Adda al Tamigi nel segno della musica

Il vapriese Stefano Ronchi è membro di una band italiana di rock psichedelico di ritorno da una tournée londinese.

Insomnia time, dall’Adda al Tamigi nel segno della musica
Cultura Trezzese, 01 Marzo 2018 ore 15:00

Dall’Adda al Tamigi nel segno della musica psichedelica e del funk-rock. Ed è quella degli Insomnia Time, band italiana appena tornata da una felice tournée londinese e nella quale c’è un po’ di Vaprio.

Gli Insomnia Time hanno incantato Londra

Stefano Ronchi, 35enne, è uno dei due bassisti che compongono il suggestivo trio musicale che vede all’altro basso Roberto Bitetti, 31 anni, di Dalmine, e alle batterie Marco Bonacina, 23enne di Bergamo. Proveniente da esperienze e gruppi musicali diversi, il trio è nato nel 2015 in una sala prove con l’intento di dare vita a un progetto innovativo nel panorama musicale italiano.

Vogliono far cantare gli strumenti

Il loro genere è composto da pezzi rock e psichedelici ed è caratterizzato dal fatto che i brani non sono accompagnati da una voce, ma soltanto dal suono degli strumenti. Una scelta che potrebbe definirsi coraggiosa in Italia, patria del canto, ma assolutamente vincente all’estero; specialmente nel panorama britannico dove si ascoltano e si apprezzano i più svariati generi musicali.

L'articolo completo sul numero in edicola venerdì 2 marzo sulle pagine della Gazzetta dell'Adda e nell'edizione online per pc, smartphone e tablet.