Cultura

Inferno Run, la corsa più diabolica in scena all'Idroscalo VIDEO

Appuntamento domenica 5 maggio con la spettacolare manifestazione.

Inferno Run, la corsa più diabolica in scena all'Idroscalo VIDEO
Cultura Martesana, 29 Aprile 2019 ore 10:52

Venticinque ostacoli, naturali e artificiali, dai nomi danteschi. Dalle Malebolge a Lucifero, passando per Antenora e Conte Ugolino. E' l'Inferno Run, che si correrà domenica 5 maggio 2019 all'Idroscalo.

Inferno Run all'Idroscalo

Domenica 5 maggio all’Idroscalo di Milano festeggerà il suo quinto anno con la prima water edition d’Italia. Ci sarà da nuotare nel mare dei milanesi e correre lungo 8 chilometri pieni di ostacoli. Torna Inferno Run, la più diabolica delle corse a ostacoli con la seconda di tre tappe, Inferno City. Una disciplina emergente
quella dell’obstacle racing e praticata da 45mila appassionati a livello nazionale solo  nel 2018, che rappresenta una sfida con se stessi tra forza, velocità, agilità e resistenza.
Grazie alla partnership con Gruppo CAP, il gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, la gara porterà i partecipanti ad attraversare il rinnovato tempio dello sport outdoor, in seguito agli interventi realizzati dalla società sul verde, sulle strutture e sulle acque, e ad immergersi nel suo mare. Non
ci saranno solo tratti a nuoto ma anche tuffi, insieme agli immancabili muri da scavalcare, corde da risalire, pesi da trasportare e strutture da superare, magari in sospensione sull’acqua, appendendosi a prese di ogni  tipo.

Diana_Hartan_inferno_Team_5
Foto 1 di 8
IMG_0051
Foto 2 di 8
IMG_0358
Foto 3 di 8
IMG_0422 2
Foto 4 di 8
IMG_6927
Foto 5 di 8
Inferno_City_2
Foto 6 di 8
Inferno_City_Rocio_Rodriguez
Foto 7 di 8
SAN_5250
Foto 8 di 8

Per l’occasione, sarà presente il Water Truck posizionato presso il punto di ristoro finale, dove dissetarsi nel pieno rispetto dell’ambiente utilizzando i bicchieri biodegradabili oppure le borracce che tutti i partecipanti troveranno nel pacco gara ritirabile al villaggio allestito in Salazzura, il Centro
Ricerche di Gruppo CAP.

 

Seguici sui nostri canali