Cultura e ambiente

Il Cammino di Renzo, da Milano a Trezzo sull'Adda sulle orme de I Promessi sposi

Il progetto è stato pensato, realizzato e messo in pratica da un gruppo di docenti e studenti dell'Istituto Jacopo Nizzola.

Il Cammino di Renzo, da Milano a Trezzo sull'Adda sulle orme de I Promessi sposi
Cultura Trezzese, 13 Settembre 2021 ore 14:42

Il Cammino di Renzo è un viaggio a piedi in cinque tappe alla scoperta del romanzo di Alessandro Manzoni I Promessi sposi. Nasce da un'idea di un gruppo di professori e studenti dell'Istituto Jacopo Nizzola di Trezzo sull'Adda.

Da Milano a Trezzo sull'Adda sulle orme de I Promessi sposi: ecco il Cammino di Renzo

Un suggestivo viaggio, da ripercorrere rigorosamente a piedi sulle tracce di Renzo Tramaglino, il protagonista de I Promessi sposi, il capolavoro di Alessandro Manzoni, lungo un ipotetico percorso che il personaggio del romanzo avrebbe compiuto lungo la Martesana per raggiungere l’Adda fino a Trezzo (passando per le città di Milano, Vimodrone Gorgonzola, Basiano, Bellusco, Ornago e Trezzo sull'Adda). L’idea è nata dalla fantasia del professor Francesco Stucchi, docente dell’Istituto Nizzola insieme ad alcuni colleghi e a degli scolari. Dopodiché, tramite a un tam tam mediatico, realizzato grazie a un video motivazionale,  il percorso è stato messo in pratica lunedì scorso. Lo stesso stucchi supportato da una ventina di studenti della scuola trezzese e dai docenti Giorgio Contarini (Lettere), Brigida Somma (Lettere) e Simone Ferrario (Geografia).

Il viaggio

La comitiva , zaino e sacco a pelo in spalla, ha iniziato il suo cammino passando proprio davanti alla statua del Manzoni in piazza San Fedele e da lì ha camminato per raggiungere una serie di luoghi noti del romanzo, come il Lazzaretto o la casa dello stesso artista, aperta per l’occasione. Il tutto grazie al supporto di vari Comuni e delle parrocchie che hanno messo a disposizione dei ragazzi palestre e oratori dove potersi lavare e rifocillare.

6 foto Sfoglia la gallery

Un beneficio ambientale

L'iniziativa, oltre che una valenza storica e letteraria, aveva anche un carattere ambientale. Durante una delle tappe del percorso Cem ambiente (il Consorzio che si occupa della gestione dei rifiuti in diverse città dell'Adda Martesana) ha distribuito ai partecipanti delle bacchette da plogging per raccogliere i rifiuti per strada.