Menu
Cerca
Iniziativa

Cartelli turistici digitali e ludici per visitare Vaprio d'Adda come in una caccia al tesoro

Inaugurata sabato 22 maggio 2021 in paese la nuova segnaletica informativa, redatta dalla Pro Loco in collaborazione con gli studenti dell'Istituto Jacopo Nizzola di Trezzo sull'Adda.

Cartelli turistici digitali e ludici per visitare Vaprio d'Adda come in una caccia al tesoro
Cultura Trezzese, 23 Maggio 2021 ore 10:42

Cartelli turistici digitali e ludici trasformano la visita di Vaprio d'Adda in una caccia al tesoro. Sono stati inaugurati sabato 22 maggio 2021.

Cartelli turistici digitali e ludici trasformano la visita di Vaprio d'Adda in una caccia al tesoro

Passeggiare per Vaprio d'Adda e scoprire le sue bellezze paesaggistiche e storico-architettoniche non è mai stato così divertente e coinvolgente. Merito della nuova e innovativa cartellonistica realizzata dalla Pro Loco grazie al supporto degli studenti dell'indirizzo turistico dell'istituto Jacopo Nizzola di Trezzo sull'Adda. Hanno infatti ideato una specie di caccia al tesoro digitale per coinvolgere i più piccoli, ma anche delle audioguide recitate, esperienze per coinvolgere maggiormente le famiglie a scoprire il paese, semplicemente scaricando un'applicazione sul proprio smartphone.

Il progetto

La manifestazione è frutto di due progetti di alternanza scuola-lavoro promossi dalla Pro Loco in collaborazione con le due scuole dell’Adda-Martesana: "Chi scopre Vaprio d'Adda, trova un tesoro!" e "Sulle orme di Leonardo". Da questi è nata una nuova segnaletica turistica che racconta il nostro paese sotto forma di gioco che è stata mostrata per la prima volta sabato 22 maggio 2021 nel pomeriggio, alla presenza degli stessi studenti che hanno affiancato i volontari della Pro Loco. Gli studenti si sono quindi  appoggiati alla piattaforma digitale libera easy travel che permette anche la modalità di geolocalizzazione.

7 foto Sfoglia la gallery

L'applicazione e le sue molteplici funzionalità

Il visitatore, una volta scaricata l'applicazione segue un percorso ideato per essere una sorta di passeggiata per le vie del paese tra Leonardo da Vinci e l'allievo e amico Francesco D'Eril. Ci sono quindi dei fumetti che aiutano il visitatore a districarsi per Vaprio, accompagnato dal suono delle voci degli studenti che a ogni cartello illustrano in diverse lingue il monumento, semplicemente scaricando l'apposito Qr-code. C'è anche un dialogo tra lo stesso Leonardo e Francesco Melzi (che ospitò il genio vinciano nella sua villa affacciata sull'Adda, presente ancora oggi), recitato dal baritono vapriese Giuseppe Riva e da Federico Antonelli, uno  studente del Nizzola. Anche i disegni a fumetto sono "made in Nizzola" e sono stati realizzati da  Eleonora Parenti. Ma non solo, oltre a curare la grafica, i giochi e le audioletture i ragazzi della scuola di secondo grado hanno realizzato anche le versioni in lingua inglese e spagnola. Questo progetto è talmente bello che ha vinto il premio per la Didattica digitale, che il Ministero assegna ogni anno alle scuole di tutta Italia.

L'inaugurazione e il commento dell'Amministrazione

La giornata inaugurale, complice anche il tempo che ha retto, è andata molto bene. Hanno partecipato circa 70 persone, ci sono stati 6 gruppi di visita dalle 15 alle 17.15 con le studentesse di 4F Turismo e gli informatori della Pro Loco che hanno svolto visite guidate per famiglie con tesoro finale.  Per chi volesse ripetere o partecipare al gioco di chi scopre Vaprio trova un tesoro si può prenotare al numero di telefono 334-7382686 Pro Loco Vaprio.  Soddisfatto anche l'assessore alla partita Anna Venturini.

"In questi mesi abbiamo imparato a stare con noi stessi in modo diverso, facendo tesoro della nostra salute. Le passeggiate all'aria aperta si sono confermate cura preziosa per il corpo e per la mente: valvole di sfogo che ci hanno permesso di apprezzare ciò che consideravamo normalità. Ricordiamo con simpatia la vecchia gita fuori porta, un concetto che ci invita ormai a un vero e proprio turismo di prossimità, consentendoci di riscoprire il nostro territorio con occhi nuovi valorizzando ancora di più i piccoli e preziosi tesori nascosti del paese"