Menu
Cerca

Cambiago comunità amica delle persone affette da demenza

Il progetto vuole rendere partecipi la popolazione, le associazioni, le categorie professionali e le istituzioni all’Alzheimer e a tutte le demenze, per creare una rete che sappia ascoltare e attuare strategie per avviare un cambiamento sociale.

Cambiago comunità amica delle persone affette da demenza
Cultura Martesana, 26 Gennaio 2018 ore 07:00

Unità di intenti fra istituzioni e associazioni a Cambiago. Il Comune si appresta a diventare una Comunità amica delle persone affette da demenza.

Una comunità amica delle persone affette da demenza nel segno dell'inclusione

Sul modello delle Dementia friendly communities anglosassoni e seguendo le orme di Abbiategrasso, primo Comune lombardo a dare vita un anno fa a questa iniziativa, anche a Cambiago è pronto a intraprendere un cammino nel segno dell'inclusione. Nascerà infatti un tavolo di coordinamento che avrà il compito di aiutare utenti affetti da demenza o da malattie neuro-degenerative (come l’Alzheimer) e i loro familiari. Lo scopo è rendere meno gravosa l’assistenza e la stessa esistenza delle persone colpite da questo male.

L'obiettivo: promuovere una diversa consapevolezza

"Essere una Comunità amica delle persone con demenze significa avere un alto livello di consapevolezza pubblica di ciò che questo male comporta - ha spiegato l'assessore ai Servizi Sociali Maria Nigrone -  Ed essere quindi in grado di offrire supporto e comprensione alle persone che ne sono affette e a coloro che se ne prendono cura. L’obiettivo è che si sentano sempre parte della comunità in cui vivono e possano parteciparvi attivamente. Essa si adopera per preservare l’indipendenza e il vivere attivo dei malati e dei familiari, coinvolgendoli per identificare gli aspetti della quotidianità da conservare e migliorare, le difficoltà che incontrano nel vivere gli spazi pubblici, il supporto richiesto per favorirne il benessere".

L'articolo completo sul numero della Gazzetta della Martesana in edicola da sabato 27 gennaio e nell'edizione online.