Menu
Cerca
Nella sede del Parco Adda Nord.

Apre a Trezzo il Museo della Valle dell’Adda FOTO

Sito nella sede dell'ente Parco a Villa Gina, da domenica 28 giugno 2020, sarà reso accessibile ai visitatori.

Apre a Trezzo il Museo della Valle dell’Adda FOTO
Cultura Trezzese, 22 Giugno 2020 ore 17:30

Un altro piccolo tassello per il rilancio del territorio e del Parco Adda Nord sotto forma di proposta culturale. Apre domenica 28 giugno 2020 il Muva, il Museo della Valle dell’Adda ospitato a piano terra di Villa Gina a Trezzo sull’Adda.

Il Museo della Valle dell’Adda apre le sue porte

Villa Gina, la nobile dimora di Trezzo sull’Adda sita in via Padre Benigno Calvi 5 a Concesa, che al piano superiore accoglie anche gli uffici amministrativi del Parco Adda Nord, apre le sue porte al Muva il Museo della Valle dell’Adda.

Cos’è il Muva?

E’ articolato in quattro sale allestite per far conoscere al pubblico la storia, la cultura e la natura degli ambienti lambiti dalle acque del fiume Adda. È caratterizzato da elementi innovativi, complessi e unici perché, nel suo insieme, adotta un approccio “hands on” associato a un impiego di tecnologia multimediale interattiva. La Sala Conferenze è la prima che si incontra e il pubblico viene accolto da un video con le istruzioni per la visita, c’è anche una riproduzione della Valle dell’Adda che riporta cenni storici e naturalistici del Parco. Nella Sala Principale situata nella torretta di Villa Gina il visitatore si troverà davanti a una ricostruzione della Valle dell’Adda lungo cui muoversi tramite un cursore. Nelle due nicchie sono stati ricreati due ambienti tipici del territorio: la palude di Brivio e il villaggio di Crespi con la sua fabbrica. Nella sala Biblioteca è riportata in un testo la vita del naturalista Ettore Tibaldi, illustre studioso di Trezzo, mancato nel 2008, a cui è dedicata l’ultima porzione del Muva che contiene un monitor dal quale attingere tutte le informazioni sulle specie di pesci autoctone e non presenti nel fiume.

Il gestore

Il Parco Adda Nord ha affidato la gestione del Muva all’associazione Tour in canoa club adsc che organizzerà tutte le attività interne al museo a partire dalle visite guidate che sono già in programma a partire dalle aperture di luglio. Previsti anche laboratori per gli studenti delle
scuole e percorsi a tema.

“Un altro traguardo raggiunto”

L’apertura del Muva rappresenta un altro traguardo raggiunto dal nuovo Consiglio di Gestione presieduto da Francesca Rota che ha inserito fin dai primi giorni del suo insediamento a Villa Gina in cima alla sua agenda la cultura e la valorizzazione dei beni presenti sul territorio. Esprime la soddisfazione per conto del Consiglio di Gestione, in attesa dell’inaugurazione di settembre, il consigliere Ignazio Ravasi. «Aprire al pubblico il Muva significa raggiungere un traguardo non di poco conto se consideriamo che questa straordinaria risorsa per il territorio era
già pronta da tempo, ma per una serie di lungaggini non era stata ancora fruita dal pubblico – hanno fatto sapere dal Direttivo – Il museo della Valle dell’Adda rappresenta un’opportunità di conoscenza delle tradizioni storiche, architettoniche e naturalistiche del nostro territorio. È un risultato parziale, ma è comunque un grande risultato. Ci sarà una vera e propria inaugurazione dopo l’estate, ma abbiamo pensato che già da ora potesse essere aperto per non perdere ulteriore tempo».

Gli orari di apertura

Domenica 28 giugno 2020 il museo aprirà dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Non è possibile parcheggiare all’interno della villa. All’ingresso al visitatore sarà misurata la temperatura con termo scanner, terminato il tour uscirà da una porta sul retro. Promo biglietti d’ingresso con una sconto del 50% (2 euro a persona), i minori di anni 14 accompagnati entrano invece gratuitamente. Per tutte le informazioni è possibile scrivere una mail a info@muvadda.it o muva.adda@gmail.com oppure chiamare al numero 349.0922069. Dal mese di luglio (domenica 5 e 26 le prossime due aperture) sarà possibile partecipare a visite guidate.

4 foto Sfoglia la gallery

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.