Cultura

Al San Raffaele il monumentale presepe storico biblico di Pasqua

Duecentomila mattoncini per ricostruire la Resurrezione.

Al San Raffaele il monumentale presepe storico biblico di Pasqua
Cultura Martesana, 18 Aprile 2019 ore 14:58

Nei giorni della Pasqua il monumentale presepio storico biblico realizzato da Maurizio Pilenga ed esposto da Natale presso la Basilica dell’Università Vita-Salute San Raffaele – Dibit 2 – sarà nuovamente aperto al pubblico, rinnovato con nuove scene dedicate alla Pasqua.

Presepe storico biblico per Pasqua al San Raffaele

L’artista bergamasco, che circa 20 anni fa ha iniziato a costruire presepi scenografici, ispirati ai diorami catalani ma di grandi dimensioni, intende col suo presepio ripercorrere i momenti salienti della Crocifissione sul monte Golgota e della Resurrezione, dopo aver già ricostruito la Natività.

Per realizzare l’opera, che ha una superficie di 100 metri quadrati su quattro piani di prospettiva, sono serviti 10 anni e l’assemblaggio di 200mila mattoncini di gesso, creati uno ad uno con stampi in pvc. Il grande presepio riporta quasi in scala anche il tempio di Gerusalemme, il palazzo di Erode, Gerusalemme tra le mura, l’impalcato della Crocifissione sul Golgota e il sepolcro con la Resurrezione. La maggior parte delle figure, di manifattura spagnola, sono in terracotta e di dimensioni variabili tra i 18 cm e i 3 cm, sapientemente disposte per ricreare scene di vita quotidiana e dar senso alla prospettiva.

L’iniziativa fa parte del programma di umanizzazione delle cure che l’IRCCS Ospedale San Raffaele, come tutto il Gruppo San Donato, porta avanti per favorire il benessere dei dipendenti e dei pazienti.

Quando visitarlo

Sarà possibile ammirare l'opera sino a fine maggio tutti i giorni dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 21, presso Basilica Dibit 2, Piano -1, Università Vita-Salute San Raffaele. L'esposizione sarà chiusa domenica 21, lunedì 22 e giovedì 25 aprile.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter