Il gesto

Volontario della Croce Rossa muore a 79 anni: donati fegato, reni e cornee

Eliseo Mercati ha vissuto per quattro decenni a Brugherio. Poi, dopo la pensione, il ritorno nella sua Emilia

Volontario della Croce Rossa muore a 79 anni: donati fegato, reni e cornee
Brugherio, 30 Agosto 2020 ore 12:51

Volontario della Croce Rossa muore a 79 anni: donati fegato, reni e cornee. Eliseo Mercati ha vissuto per quattro decenni a Brugherio. Poi, dopo la pensione, il ritorno nella sua Emilia.

L’ultimo gesto del volontario della Croce Rossa

Mercati, originario di un piccolo centro emiliano, è scomparso venerdì 28 agosto 2020. A 23 anni fu assunto dall’Enel e si trasferì a Brugherio, per lavorare nel Compartimento di Milano della società di energia. Qui mise su famiglia, girando poi tutta l’Italia come capo squadra per l’installazione dei tralicci dell’alta tensione. Arrivata la pensione, Mercati decise di tornare nella sua terra d’origine, a Casina, in Provincia di Reggio Emilia, avvicinandosi alla sezione locale della Cri e diventandone una delle colonne. Ora l’ultimo gesto di generosità, con la donazione degli organi.

Il toccante ricordo dei volontari della Cri di Casina

In un lungo e toccante messaggio apparso sui social, il presidente e i volontari della Sezione di Casina della Cri hanno voluto ringraziare e ricordare Mercati.

“Mi chiedono di parlare di te caro Eliseo. Mi chiedono di dire cosa facevi in Cri e della tua attività presso la nostra sede. Non è facile, per diversi motivi, che tu ben sai: per il tempo che ci impiegherei innanzi tutto. Perché 20 anni di attività costante e fervente come tu ci hai dato non si possono riassumere in poche righe. Mi ricordo, quando appena andato in pensione ti avvicinasti alla Cri di Casina, perché dopo una vita lavorativa intensa volevi continuare a renderti utile agli altri e a te stesso, in una continua crescita personale. Hai seguito tutto il corso, sostenuto l’esame e iniziato a indossare la nostra divisa, giorno per giorno, ora per ora, con sempre maggiore intensità e dignità, fiero di dare un contributo semplice ma straordinario a chi ha realmente bisogno. Il tempo passava e tu ti impegnavi sempre più, dedicando alla Cri e alle sue attività davvero un mondo di tempo, una montagna di tempo. Instancabilmente e con una costanza che davvero si vede in pochi volontari. Se ci mettiamo a contare le ore e i chilometri che hai macinato in questi anni ci servirebbero un libro mastro intero, ma a te non interessava quello che avevi fatto. A te interessava quello che avresti potuto fare domani per gli altri, fino all’ultimo. Negli anni hai dato veramente tutto, con una disponibilità veramente infinita, dimostrandoti un punto di riferimento per tutti noi, sempre pronto a partire, a fare, a risolvere i mille problemi che ogni giorno ci capitano. Ti chiamavo a qualsiasi ora e tu senza tante cerimonie eri già operativo, pronto all’azione. Se dovessi riassumenti in due parole caro Lillo, direi: un BURBERO dal CUORE INFINITO. Mi mancherai tantissimo, mancherai tantissimo a tutti noi, ma sono certo che da lassù ci guiderai, come hai sempre fatto. Nel tuo modo unico e irripetibile. Fai buon viaggio Nonno Lillo un abbraccio fortissimo dai tuoi fratelli volontari della Cri di Casina”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia