Cronaca
Aggressione

Violenta lite tra due camionisti ucraini in autostrada, spunta un coltello e scatta il codice rosso

All’origine del diverbio ci sarebbero proprio le diverse posizioni sul conflitto in corso.

Violenta lite tra due camionisti ucraini in autostrada, spunta un coltello e scatta il codice rosso
Cronaca 27 Febbraio 2022 ore 09:35

Gli echi della guerra in Ucraina si fanno sentire, in modo inaspettatamente cruento, nel cuore della Franciacorta, a Erbusco in provincia di Brescia.

La lite e poi la corsa in ospedale

Nella serata di ieri (sabato 26 febbraio) nel piazzale di sosta dell’Autogrill Sebino, sull’autostrada A4, tra i caselli di Rovato e Palazzolo, è esplosa una violenta lite tra due camionisti di nazionalità ucraina. E all’origine del diverbio ci sarebbero proprio le diverse posizioni sul conflitto. D’un tratto, però, è spuntato un coltello e uno dei due contendenti è finito in ospedale, in codice rosso.

Accusato di tentato omicidio

Come riportato da Areu, Agenzia regionale emergenza urgenza, la chiamata ai soccorsi è scattata alle 19.03. Il ferito, un 24enne, è stato trasportato in ambulanza in codice rosso agli Spedali Civili di Brescia. La ricostruzione delle ragioni della lite non è stata semplice, e gli ostacoli linguistici hanno innescato purtroppo anche delle fake news (alcuni organi di stampa, infatti, sia locali che nazionali, nella tarda serata di sabato hanno riportato la notizia che l’accoltellatore era russo e la vittima ucraina). Dalle prime informazioni sembra invece che i due camionisti, entrambi ucraini, stessero discutendo della guerra, ma le posizioni diametralmente opposte sul conflitto (uno filorusso, l’altro filogovernativo) abbiano surriscaldato i toni, finché uno dei due ha impugnato un coltello e colpito più volte l’altro. Sul posto sono intervenute le pattuglie della Polizia Stradale di Seriate e, successivamente, il personale della Polizia scientifica. L’aggressore è stato fermato con l’accusa di tentato omicidio. L’aggredito è ricoverato in gravi condizioni in ospedale.

Seguici sui nostri canali