Da Vimodrone all’Isis, si è pentito: “voglio tornare in Italia”

Monsef aveva lasciato la Martesana per unirsi ai terroristi in Siria.

Da Vimodrone all’Isis, si è pentito: “voglio tornare in Italia”
Martesana, 16 Marzo 2019 ore 12:09

Da Vimodrone all’Isis, ora si è pentito: “voglio tornare in Italia”. Monsef aveva lasciato la Martesana per unirsi ai terroristi in Siria.

Da Vimodrone all’Isis, ora si è pentito

Aveva abbandonato Vimodrone per imbracciare le armi e diventare un soldato dell’Isis. Si erano perse le tracce di Monsef El Mkhayar e qualcuno credeva che fosse morto in battaglia come l’amico Tarik Aboulala, partito con lui dalla comunità Kayros. Invece il 23enne è vivo, si è consegnato dopo aver combattuto nell’ultimo feudo del Califfato in Siria. E ora si è pentito, dice, e “voglio tornare in Italia” per rincominciare ancora una volta da zero. E in Martesana qualcuno gli aprirebbe nuovamente le porte.

LEGGI ANCHE: Terrorista di Cassano la Cassazione annulla la sentenza, processo da rifare

Continua a leggere il servizio sulla Gazzetta della Martesana disponibile in edicola e nella versione sfogliabile on line da sabato 16 marzo.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia