Vignetta sessista, Caponi: "Solidarietà alle consigliere del Pd"

Da Sesto nel Cuore ai Democratici progressisti, ai Giovani Sestesi: unanime la condanna del fotomontaggio circolato sui social network

Vignetta sessista, Caponi: "Solidarietà alle consigliere del Pd"
Sesto, 22 Maggio 2018 ore 15:05

Da Sesto nel Cuore a Mdp, ai Giovani Sestesi: è unanime la condanna della vignetta sessista circolata sui social network. In queste ore a Sesto San Giovanni stanno tenendo banco i commenti sul fotomontaggio apparso su Facebook che vede protagoniste loro malgrado la consigliera del Pd Monica Chittò e la capogruppo Roberta Perego. Una vignetta (chiamata "meme" in senso tecnico), che ironizza sul caso del "buco di Bilancio", subito condannata e bollata come "bugiarda, volgare e sessista" dal Partito Democratico per il doppio senso contenuto.

Il Pd attacca la lista Di Stefano Sindaco

Il Pd ha quindi puntato il dito contro l'entourage del sindaco Roberto Di Stefano. In particolare contro Marcella Del Vecchio, esponente della lista Di Stefano Sindaco e assunta nello staff del primo cittadino, e l'assessore Nicoletta Pini, ree di aver postato e approvato la vignetta. Tanto che sono state chieste le dimissioni della Del Vecchio dal Comitato Pari Opportunità.

Sesto nel Cuore: "Inaccettabile prendere di mira la dignità delle donne"

Tra i primi a condannare la vignetta c'è stato Gianpaolo Caponi, leader di Sesto nel Cuore. "Ho telefonato a Monica Chittò e Roberta Perego per esprimere la mia solidarietà e quella di Sesto nel Cuore per questa brutta vicenda". Racconta Caponi. "Assistiamo sempre più all'impoverimento delle più elementari regole di convivenza, che si fondano sopratutto sul rispetto del prossimo. Prendere di mira le donne minando la loro dignità è inaccettabile".

Mdp bacchetta la Giunta

Solidarietà anche dal Movimento Democratici progressisti che attacca frontalmente la maggioranza. "Siamo passati dallo "scartavetramento di attributi" dell’assessora Alessandra Magro, alla volgarissima vignetta contro le consigliere Chittò e Perego". Commenta Monica Zaccherini, responsabile politiche antidiscriminazioni di Articolo Uno-Mdp. "Una vignetta postata sui social della nuova assunta in Comune con incarico fiduciario Marcella Del Vecchio, fino al “mi piace” sempre alla volgare vignetta messo dell’assessora Nicoletta Pini.  Aldilà della provata incapacità di ricoprire i ruoli istituzionali che le signore in questione hanno l’onore di ricoprire, lascia esterrefatti il loro profondo maschilismo culturale".

La solidarietà dei Giovani Sestesi

"A Monica Chittò e Roberta Perego la solidarietà di tutto il nostro direttivo e degli iscritti". Recita il comunicato diramato dalla lista civica Giovani Sestesi. "La vicenda delle vignette offensive e sessiste rappresenta nel modo più triste e preoccupante lo sfascio etico in cui il sindaco Di Stefano e la sua maggioranza di Centrodestra stanno trascinando Sesto San Giovanni".