Emergenza sanitaria

Vaccinazioni anti-Covid di massa: l'Unione dei Comuni ha un piano per 20mila somministrazioni in un mese

In un mese potrebbero essere somministrate le dosi a 20mila persone. Il progetto è già stato presentato ad Ats e Regione Lombardia.

Vaccinazioni anti-Covid di massa: l'Unione dei Comuni ha un piano per 20mila somministrazioni in un mese
Cronaca Martesana, 31 Gennaio 2021 ore 10:35

Quando il Governo darà il via libera alle vaccinazioni anti-Covid di massa l'Unione dei Comuni lombarda Adda Martesana si farà trovare pronta. Anzi, lo è già adesso visto che il progetto operativo è già stato presentato ad Ats e Regione Lombardia.

Vaccinazioni di massa, cosa si intende

Come spiegato in più occasioni dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e, a scendere, dalle altre istituzioni, tutti i cittadini avranno diritto a essere vaccinati contro il Coronavirus. Si è data la precedenza agli operatori sanitari, ai volontari delle Croci e agli ospiti delle Rsa (anche se in alcune strutture sono ancora in attesa di ricevere le dosi). Successivamente sarà il turno di tutte le altre persone nella cosiddetta fase di vaccinazioni di massa.

L'Unione dei Comuni è pronta

La seconda fase vedrà il coinvolgimento dei medici di base che potranno somministrare le dosi ai pazienti che ne faranno richiesta. Si parla di numeri potenzialmente molto alti, così le istituzioni hanno fatto appello ai Comuni affinché trovino delle strutture di supporto dove poter gestire in piena sicurezza il flusso di pazienti. L'Unione (che comprende Liscate, Bellinzago Lombardo, Pozzuolo Martesana e Truccazzano) ha fatto anche di più.

Il progetto presentato ad Ats e Regione

Il comandante della Polizia Locale e dirigente della Protezione civile Salvatore Guzzardo, infatti, ha steso un progetto operativo che va oltre la semplice ricerca di edifici disponibili. Il piano in questione, infatti, individua alcune aree all'aperto dei vari Comuni (e delle loro frazioni) in cui sarebbe possibile allestire una struttura temporanea per la somministrazione dei vaccini. Il progetto in questione è già stato presentato ad Ats e Regione Lombardia ed è in attesa di autorizzazione.

Stando alle stime del comandante sarebbe possibile vaccinare circa 20mila persone nel giro di un mese (almeno per la somministrazione della prima dose).

Il servizio completo sulla Gazzetta della Martesana in edicola e in versione sfogliabile web per pc, smartphone e tablet da sabato 30 gennaio 2021.