Menu
Cerca
Lutto

Una vita in sella alle Honda: l’ultimo saluto a Roberto Tresoldi

La sua concessionaria di Pessano con Bornago era un riferimento per tutta la Lombardia. Aveva 65 anni.

Una vita in sella alle Honda: l’ultimo saluto a Roberto Tresoldi
Cronaca Martesana, 15 Aprile 2021 ore 14:44

La concessionaria Honda Tresoldi di Pessano è un vero punto di riferimento per tutti gli appassionati di due ruote di tutta la Lombardia. Aperta nel 1992, ha accolto negli anni decine di centauri che lì si sentono a casa. Questo grazie anche e soprattutto a Roberto Tresoldi, al suo modo di fare e alla sua passione per le Honda. Si è spento nei giorni scorsi dopo aver lottato contro il Covid. Oggi, giovedì 15 aprile 2021, chi gli ha voluto bene ha potuto dargli l’ultimo saluto nella chiesa parrocchiale di Bornago.

Le Honda e la sua concessionaria: la vita di Roberto Tresoldi

Da qualche tempo la concessionaria Honda lungo la Cerca era chiusa. Il suo titolare, Roberto Tresoldi, stava combattendo la sua battaglia contro il virus, che non ha purtroppo avuto l’epilogo sperato. Il 65enne si è spento in un letto di ospedale. La notizia della sua morte ha fatto in fretta il giro di tutta la Lombardia. Tresoldi era infatti conosciuto fuori dai confini di Pessano, dove si trova la sua concessionaria e dove oggi si sono celebrati i funerali. L’attività era stata avviata quasi trent’anni fa, ma da tutta la vita Tresoldi portava avanti la sua passione per le moto e soprattutto per le Honda.

Un punto di riferimento

Roberto era per i centauri lombardi una garanzia. Sia per la sua disponibilità sia soprattutto per grande competenza maturata negli anni. Nel suo negozio non si andava soltanto per comprare una nuova Honda. Al suo interno si poteva anche ammirare un’incredibile collezione di mezzi della casa motociclistica giapponese, raccolti durante la sua lunga carriera. Tresoldi era presenza fissa sui circuiti italiani, Mugello in primis, e volto conosciuto e apprezzato nel circuito motociclistico nostrano. Negli anni Ottanta, come ha ricordato il noto giornalista Nico Cereghini, il 65enne pessanese era anche costruttore di moto artigianali.