Un ristorante particolare

Una pizza per sconfiggere la violenza di genere

A Pozzuolo ha aperto il ristorante "A modo mio", il primo amico della Rete Viola: farà lavorare ragazze con un passato di violenze e maltrattamenti

Una pizza per sconfiggere la violenza di genere
Cassanese, 20 Settembre 2020 ore 14:42

Una pizza per sconfiggere la violenza di genere. E’ l’obiettivo dell’accordo siglato tra Viola, la rete anti-violenza che riunisce ventotto Comuni dell’Adda Martesana, e il ristorante “A modo mio” di via IV Novembre a Pozzuolo, che è stato inaugurato martedì sera.

Il lavoro per combattere la violenza

La Rete Viola esiste da ormai due anni e soltanto negli ultimi mesi ha fornito supporto a circa ottanta donne, alcune delle quali sono entrate nel programma di protezione, molte insieme ai loro figli minorenni. Alle spalle hanno storie di violenze e maltrattamenti domestici alle quali hanno deciso di dire basta. “Uno degli strumenti fondamentali per costruirsi un futuro è il lavoro – ha sottolineato l’assessore ai Servizi sociali di Melzo, Comune capofila, Valentina Francapi – Solo lavorando si può costruire un’indipendenza che permetta di staccarsi finalmente dal passato”. E in questo solco è nata la collaborazione con “A modo mio”.

Un supporto concreto per chi è in difficoltà

“Il nostro staff ha già di per sé un’importante componente femminile – hanno raccontato i titolari Marco Utzeri e Tymur Isayev – Ci siamo chiesti, perché non fare qualcosa in più per ragazze in difficoltà?”. Così è nata la collaborazione con Viola, sancita martedì sera durante l’inaugurazione del nuovo ristorante di Pozzuolo (“A modo mio” ha già una pizzeria a Melzo), alla presenza dell’assessore alle Politiche sociali Ilaria Mafessoni e della referente Viola Lorena Trabattoni, oltre alla stessa Francapi. Dopo una prima fase di assestamento, il ristorante ospiterà alcune ragazze seguite dalla rete, insegnando loro il mestiere e aiutandole a entrare nel mondo del lavoro.

Il primo in Martesana

Si tratta di un esperimento unico in Martesana. E’ infatti la prima volta che Viola ha un ristorante “amico”. La speranza è però che il cerchio si allarghi e vengano coinvolte sempre più attività. “E’ stata una scelta coraggiosa – ha concluso Francapi – Non è facile aprire in un momento come questo e ancora di più non è scontato dare al proprio ristorante anche una vocazione sociale.

Nella Gazzetta dell’Adda

Tutti i dettagli e le altre notizie della settimana nella Gazzetta dell’Adda disponibile in edicola e nella versione sfogliabile online da sabato 19 settembre 2020.

Torna alla home per le altre notizie di oggi

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia