Cronaca

Un perfetto donatore. Ma non potrà salvare vite

Un perfetto donatore. Ma non potrà salvare vite
Cronaca Martesana, 18 Agosto 2017 ore 17:26

Ha accusato un malore mentre si trovava a Pioltello, è svenuto e ha sbattuto la testa entrando in coma. Dopo una settimana in stato vegetativo è deceduto. 

Aveva solo 40 anni il romeno che ha perso la vita all'ospedale San Gerardo di Monza. Senza fissa dimora e domiciliato a Pioltello, l'uomo non aveva alcun parente se non una sorrella in Spagna. La quale, contattata dalla Polizia Locale, ha preferito non farsi carico del fratello. 

Così, nonostate lo stato perfetto di diversi organi del 40enne, non potrà donare e salvare altre vite di persone in attesa di trapianto. La legge parla chiaro: non vale il silenzio assenso e solo il donatore o i parenti possono autorizzare al trapianto di organi.

Il servizio completo lo trovate sul giornale in edicola o ONLINE NELLA VERSIONE SFOGLIABILE per Pc, smartphone e tablet. 


Seguici sui nostri canali