Cronaca

Ubriaco picchia la compagna: ricoverata in ospedale con un trauma cranico

L'uomo è stato arrestato dai carabinieri e sottoposto al divieto di avvicinamento.

Ubriaco picchia la compagna: ricoverata in ospedale con un trauma cranico
Cronaca Trezzese, 16 Marzo 2019 ore 17:58

Ubriaco picchia la compagna: ricoverata in ospedale con un trauma cranico. L'uomo è stato arrestato dai carabinieri e sottoposto al divieto di avvicinamento.

Ubriaco picchia la compagna

Poco dopo la mezzanotte di ieri, 15 marzo 2019, i Carabinieri della stazione di Vaprio D’Adda sono intervenuti a Pozzo D’Adda, presso l’abitazione di una 49enne e hanno tratto in arresto il convivente, un italiano pregiudicato. L'uomo infatti, poco prima, per futili motivi e in stato di alterazione alcolica aveva colpito con alcuni violenti pugni al volto la donna. Una vicina di casa, allarmata dalle urla della vittima, aveva contattato il 112, così i militari sono protamente intervenuti sul posto.

In ospedale con un trauma cranico

I carabinieri hanno soccorso l’aggredita, trovata in forte stato confusionale e con evidentissime tracce di sangue sul viso. L’uomo si era anche rifiutato di aprire la porta di casa agli uomini dell?Arma, ma è stato infine convinto dopo non breve trattativa. La donna è stata trasportata in codice giallo al pronto soccorso dell’ Ospedale di Cernusco Sul Naviglio, ove è stata dimessa nella tarda mattinata a seguito degli accertamenti medici per il trauma cranico riportato.

Non era la prima volta che accadeva

La donna ha anche confidato agli uomini dell'Arma che già in passato aveva subito minacce e maltrattamenti dal convivente. L'arreatato è stato trattenuto nelle camere di sicurezza del comando in attesa rito direttissimo, celebrato nella mattinata di oggi, 16 marzo 2019, ad esito del quale è stato convalidato l’arresto. L'uomo è stato sottoposto al divieto di avvicinamento.

LEGGI ANCHE: Aggredisce l’ex moglie, arrestato a Inzago

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter