Cronaca
Tutti per Sara

Tutti per Sara: il sostegno di Cambiago non si ferma

La battaglia contro il cancro della piccola Sara, di soli due anni, non si è ancora conclusa. 

Tutti per Sara: il sostegno di Cambiago non si ferma
Cronaca Martesana, 08 Febbraio 2022 ore 15:02

A Cambiago, Sara continua la sua lotta contro il cancro. Ora, però, a distanza di qualche mese il futuro sembra un po’ più roseo. Anche grazie alla raccolta fondi organizzata da Elisabetta De Ambrosi e Maria Nigrone.

Tutti per Sara

Tramite il portale web sono stati raccolti 4.030 euro, altri 2.500 euro vengono invece dalle cassettine distribuite tra Cambiago e Gessate. Non mancano anche aggiornamenti sulle condizioni della piccola Sara.

La bimba ha terminato otto cicli di chemioterapia. Dagli esami di controllo della scorsa settimana è emerso che il male è in regressione, ma non è ancora possibile intervenire chirurgicamente. Serviranno altri due cicli supplementari di chemio.

Elisabetta De Ambrosi, che con la pagina Facebook «Tutti per Sara» aggiorna puntualmente i cittadini che si sono raccolti virtualmente intorno alla bambina. Per stare vicino alla famiglia, lui ha chiesto e ottenuto la 104. Da una parte è un sollievo, dall’altra questo significa dover sostenere le spese crescenti con uno stipendio più limitato, ridotto al 30%.

La raccolta fondi per Sara continua

Da qui l’idea di raccogliere fondi, coinvolgendo Maria Nigrone.

Elisabetta conosce molto bene i genitori di Sara. Io lavoro nel terzo settore e sono stata assessore ai Servizi sociali. Insieme siamo riuscite a portare a casa un bel risultato

Ha raccontato Nigrone.  Proprio come la battaglia di Sara, anche la raccolta fondi continua. De Ambrosi e Nigrone hanno ancora molte iniziative che vogliono far partire per ridare slancio alla campagna online.

"Sara combatte": sulla pagina Facebook, le metafore di questo tipo sulla «piccola guerriera» non si contano, ma rendono perfettamente l’idea. Nella battaglia contro il cancro, quando il male si ritira la generosità guadagna terreno.

Il servizio completo nell'edizione della Gazzetta della Martesana in edicola e nell'edizione sfogliabile online per smartphone, tablet e Pc da sabato 5 febbraio 2022.

Seguici sui nostri canali