Cronaca

Truffa dello specchietto fermata la banda della Clio nera

Fermati a Vignate una prima volta e a Cologno Monzese il giorno seguente. Sequestrata la loro auto.

Truffa dello specchietto fermata la banda della Clio nera
Cronaca Martesana, 17 Agosto 2018 ore 15:06

Non potranno più truffare la gente, almeno per un po'. Sono stati fermati lunedì a Vignate e martedì a Cologno Monzese i due italiani protagonisti della truffa dello specchietto a bordo della "famigerata" Clio nera.

Truffa dello specchietto beccati a Vignate

Lunedì mattina a finire nella rete dei truffatori era stato un cittadino di Vignate. L'uomo, un 70enne, è stato inseguito attraverso le vie del paese sino a San Pedrino dove si era fermato in prossimità della sua abitazione. I truffatori sono scesi e gli hanno chiesto 1.500 euro come contropartita del presunto danno al loro veicolo. Proprio in quel momento, però, transitava un'auto della Polizia Locale vignatese.

Fermati e schedati

Gli agenti hanno notato la discussione tra i due sinti italiani della Clio e il vignatese. Il quale si è fatto notare attirando l'attenzione dei poliziotti. I truffatori hanno cercato quindi di dileguarsi salendo sull'auto e scappando. La loro fuga, però, si è interrotta in una strada chiusa. E' stato richiesto l'intervento dei carabinieri della stazione di Melzo che hanno denunciato la coppia per tentata truffa e riscontrato la mancata revisione del veicolo.

Galeotta la revisione

Proprio la revisione scaduta è stato l'appiglio per i carabinieri di Cologno Monzese che, martedì, hanno nuovamente fermato la Clio nera. Essendo sprovvisti della revisione, i militari hanno deciso di procedere con il sequestro del mezzo mettendo la parola dine, almeno per il momento, alla carriera di truffatori della coppia.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter