A Milano

Trovato morto in casa: i famigliari non credono al suicidio

La Procura indaga dopo il rinvenimento del corpo senza vita del 31enne

Trovato morto in casa: i famigliari non credono al suicidio
23 Maggio 2020 ore 11:23

Sulla morte di Edoardo Miotti la Procura di Milano ha aperto un fascicolo a carico di ignoti.

Trentunenne trovato morto in casa

Nato a Sondrio, classe 1988, Miotti da diversi anni viveva e lavorava nel capoluogo lombardo, dopo essersi laureato alla Bicocca. Il corpo è stato trovato senza vita all’interno del suo appartamento in viale Monza, a Milano, lo scorso 19 aprile 2020. Secondo una prima ricostruzione (e come hanno raccontato i nostri colleghi di Prima la Valtellina) si sarebbe suicidato, ma a questa ipotesi i famigliari non hanno mai dato credito. Tanto che avevano presentato un’istanza alla Procura.

I familiari non credono al suicidio

A combattere affinché le indagini non venissero archiviate l’avvocato Fabrizio Consoloni, che ha ottenuto ieri – venerdì 22 maggio 2020 – dal magistrato la modifica del caso in notizia di reato contro ignoti. In attesa che venga disposta l’autopsia sulla salma (Edoardo a distanza di un mese non è stato ancora sepolto) sono stati sequestrati il cellulare e il computer. Un mistero, dunque, in attesa di essere svelato quello sulla morte del valtellinese trovato morto nel suo appartamento chiuso a chiave dall’interno, come spiegato dai soccorritori entrati da una finestra dopo che i famigliari avevano dato l’allarme perché di lui non avevano più notizia.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

 

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia