Cronaca
Lunga attesa

Centralino 112 in tilt per il Coronavirus, è morto il pensionato di Vimodrone

I testimoni non riuscivano a prendere la linea con la Centrale operativa per le troppe chiamate

Centralino 112 in tilt per il Coronavirus, è morto il pensionato di Vimodrone
Cronaca Martesana, 24 Febbraio 2020 ore 14:09

Centralino del 112 in tilt per il Coronavirus, è morto il pensionato di Vimodrone. I testimoni non riuscivano a prendere la linea con la Centrale operativa per le troppe chiamate.

Troppe chiamate al 112, anziano muore in ospedale

Non ce l'ha fatta, purtroppo, il pensionato che si era sentito male in strada ieri mattina, lunedì 24 febbraio 2020, a Vimodrone, attorno alle 11, in via dei Mille. Si era accasciato al suolo appena uscito dal portone di casa, forse per un infarto. Ma i testimoni (negozianti in primis che hanno le vetrine che si affacciano sulla strada) avevano avuto seria difficoltà a prendere la linea con il 112, andato in sovraccarico per l'elevato numero di chiamate legate alla fobia Coronavirus. I minuti passavano, senza riuscire ad allertare i soccorsi. Le condizioni di salute del 75enne erano apparse da subito molto gravi.

La Polizia Locale ha chiuso la strada in attesa dei soccorsi

L'uomo era rimasto a terra per diverso tempo. Ci sono voluti quasi dieci minuti prima di riuscire a parlare con un operatore del 112. Alla fine sul posto era intervenuta un'ambulanza dell'Avis di Cologno Monzese. La Polizia Locale aveva provveduto a chiudere la strada per permettere i soccorsi. Si è cercato di rianimarlo sul posto, poi la corsa in codice rosso al vicino Pronto soccorso del San Raffaele. Infine la constatazione del decesso.

L'appello per non sovraccaricare il 112

L'appello lanciato già nei giorni scorsi è quello di non chiamare il 112 per avere anche solo semplici informazioni sul Coronavirus. Regione Lombardia ha istituito un numero verde ad hoc: 800 894545. A questo si aggiunge il numero del Ministero della Salute: 1500.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter