Cronaca
Incidente stradale

Tragedia sfiorata, auto a folle velocità distrugge la cancellata dell'oratorio

E' successo a Vaprio d'Adda martedì 30 novembre 2021. Il don: "E' un miracolo. Pochi secondi prima stava passando un ragazzo".

Tragedia sfiorata, auto a folle velocità distrugge la cancellata dell'oratorio
Cronaca Trezzese, 01 Dicembre 2021 ore 12:00

Tragedia sfiorata, auto a folle velocità distrugge la cancellata dell'oratorio di Vaprio d'Adda. E' successo martedì 30 novembre 2021 in via Dante Alighieri di fronte all'ingresso posteriore della struttura parrocchiale.

Tragedia sfiorata, auto a folle velocità distrugge la cancellata dell'oratorio a Vaprio d'Adda

Tanto spavento, martedì notte a Vaprio d'Adda, ma per fortuna la tragedia non si è consumata. Erano circa le 20.30 quando un'auto proveniente dalla rotonda dell’Sp104 a folle velocità e diretta a Canonica d’Adda ha imboccato la rotatoria che incrocia via Per Grezzago. In quel punto  il mezzo ha perso il controllo, ha urtato un cartello stradale, abbattendolo, è poi saltato sul marciapiede e ha finito la sua folle corsa centrando in pieno la porta metallica che porta direttamente al campo di calcio della struttura parrocchiale.

L'impatto è stato devastante

Subito don Marcello Fassi,   vicario della parrocchia, che in quel momento si trovava nel bar dell'oratorio insieme ai membri della Pro Loco è corso in strada per vedere quello che era successo, notando del fumo uscire dal cofano del veicolo. Invece il portone metallico, inizialmente chiuso con un lucchetto,  è sbalzato in avanti, uscendo dal binario e finendo piegato in due dall'urto come se fosse di latta.

Immediata la richiesta dei soccorsi

i presenti hanno subito chiamato i soccorsi e dopo pochi minuti sul posto sono giunti i pompieri, un'ambulanza della Croce Azzurra di Trezzo sull'Adda e anche due pattuglie dei Carabinieri, una di queste proveniente dalla stazione di Vaprio d'Adda. Ma nel frattempo i due occupanti, due ragazzi di età compresa tra i venti e i trent'anni e di origine straniera, erano già usciti con le loro gambe dall'abitacolo e si stavano allontanando a piedi dalla zona dello schianto. Sono stati però raggiunti dai ragazzi dell'oratorio che li hanno fermati in attesa che fossero presi consegna dai sanitari con il supporto dei Carabinieri.

"E' un miracolo"

Questo il commento di don Marcello Fassi sull'accaduto.

"E’ stato un vero e proprio miracolo che in quel momento non ci fosse nessuno. Proprio venti secondi prima c’era un ragazzo e poco prima ancora da quel punto erano passati i giocatori della squadra di pallavolo. Se invece il mezzo fosse finito contro il muro sarebbero morti gli occupanti; il cancello, infatti, ha attutito il colpo"

 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter