Sprangate sui veicoli e minaccia con una pistola una donna. Denunciato 61enne

Nei guai un 61enne di Settala che si è reso protagonista di alcuni episodi di violenza non giustificati.

Sprangate sui veicoli e minaccia con una pistola  una donna. Denunciato 61enne
Melzese, 20 Gennaio 2020 ore 16:34

Ha preso a sprangate tre veicoli quindi ha cercato di fermare le auto sulla Rivoltana brandendo una pistola. Denunciato dai carabinieri un 61enne di Settala.

Sprangate sui veicoli a Melzo

L’episodio risale alla tarda serata di venerdì 17 gennaio. Erano circa le 23 quando un uomo esagitato utilizzando un bastone di legno ha sfondato il parabrezza di alcuni veicoli che si sono trovati a transitare nella zona in cui si trovava l’uomo. Colpite due macchine in via Mazzini e una di fronte al Municipio.  L’aggressore, dopo aver spaventato a morte le persone, è salito sulla sua vettura e ha fatto perdere le sue tracce.

Pistola in faccia a una donna

Ancor più grave quanto accaduto poco dopo lungo la Sp14 all’altezza di Truccazzano. Sempre lo stesso individuo, a bordo della sua macchina,  ha iniziato a fermare le auto in transito. Ha estratto una pistola e l’ha puntata verso una delle vetture a bordo delle quali c’era una donna. Quindi avrebbe sparato un colpo. Fortunatamente l’arma non era vera, ma si trattava di una scaccia-cani. La quale ha emesso  del fumo dalla canna, ma non ha provocato danni a persone o cose.

L’intervento dei carabinieri

Non appena sono stati informati di quanto accaduto, i carabinieri di Melzo hanno immediatamente proceduto con le indagini per dare un volto all’uomo che stava seminando il terrore in giro per la città. Sono così risaliti a un 61enne italiano che abita a Settala. I militari si sono recati nella sua abitazione che è stata perquisita per cercare armi o altro materiale potenzialmente pericoloso. Nel bagagliaio della sua vettura hanno trovato alcuni bastoni in legno e la pistola finta. L’uomo è stato denunciato per possesso di strumenti atti a offendere, minacce e per danneggiamenti. Si tratta di reati minori che richiedono querela della parte lesa e che non comportano alcuna forma di limitazione della libertà (carcere o domiciliari). I carabinieri hanno però provveduto a informare i Servizi sociali di Settala della situazione affinché si cerchi di tutelare al massimo l’incolumità pubblica. L’uomo è stato anche sottoposto a visita medica per accertarne le condizioni, ma sono stati esclusi problemi di natura psichiatrica.

Dopo le sprangate, psicosi da social network

La notizia di quanto accaduto venerdì è circolata rapidamente attraverso i social network creando una vera e propria psicosi. L’autore dei gesti è sotto sorveglianza da parte delle Forze dell’ordine, le quali hanno raccolto le dichiarazioni e le querele delle vittime. Non sono stati registrati altri casi precedenti o successivi a quanto avvenuto il 17 gennaio.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

Video più visti
Foto più viste
Top news regionali
Il mondo che vorrei
Amici della neve