Cronaca

Sparatoria a Erba, interrogato il segratese

Il giovane si è difeso affermando di non conoscere le intenzioni del collega.

Sparatoria a Erba, interrogato il segratese
Cronaca Martesana, 25 Agosto 2019 ore 12:29

Sparatoria a Erba, interrogato il segratese. Il 23enne aveva accompagnato l'amico che aveva sparato contro il padre e il fratello.

Sparatoria a Erba, l'interrogatorio

Ieri, sabato 24 agosto 2019, il giudice delle indagini preliminari di Como ha interrogato Artur Timciuk, il 23enne ucraino residente a Segrate arrestato dopo la sparatoria avvenuta mercoledì alle 13 all'esterno di una ditta di Erba in via Milano e che si trova nel carcere comasco Bassone. Il giovane è accusato di concorso in tentato omicidio, danneggiamento, minacce e porto d’arma.

La difesa

Il segratese avrebbe accompagnato un collega di lavoro sul posto dove poi sono stati esplosi tre colpi di pistola contro il fratello e il padre di quest'ultimo, rimasti miracolosamente illesi. In base ai primi rilievi gli spari sarebbero avvenuti a circa quindici metri di distanza, fatto che avrebbe permesso alle vittime di buttarsi a terra ed evitare i colpi. Alla base dell’agguato motivi sentimentali ed economici tra fratelli. Timciuk ha detto al Gip dicendo di non sapere quello che il collega aveva intenzione di fare, e di essersi accorto solo all'ultimo della pistola. Il 23enne, quindi, si è difeso affermando di aver solamente accompagnato l'uomo.

Ancora ricercato l'autore della sparatoria

Il segratese resterà comunque in carcere mentre prosegue la ricerca del giovane che ha sparato contro il padre e il fratello. Il timore dei carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile di Como e dei colleghi della stazione di Erba è che possa aver approfittato delle prime ore successive ai fatti per lasciare l’Italia.

LEGGI ANCHE

Ha sparato a padre e fratello in un'azienda di Erba, l'amico preso a Segrate

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter