Cronaca
Beccato

Smonta la cucina a un cliente e la scarica in mezzo alla strada: imprenditore denunciato

E' accaduto a Brugherio: la Polizia Locale è riuscita a risalire all'autore dello scarico abusivo, costringendolo a rimuovere tutto.

Smonta la cucina a un cliente e la scarica in mezzo alla strada: imprenditore denunciato
Cronaca Brugherio, 26 Luglio 2022 ore 09:43

Smonta la cucina a un cliente e la scarica in mezzo alla strada: imprenditore denunciato. E' accaduto a Brugherio: la Polizia Locale è riuscita a risalire all'autore dello scarico abusivo, costringendolo a rimuovere tutto.

Imprenditore denunciato per scarico abusivo

Portare tutto in piattaforma ecologica? Ma vah... Ha avuto la malsana idea di abbandonare il mobilio di una cucina (cappa compresa) su suolo pubblico. E nell'arco di poche ore gli agenti sono riusciti a risalire alla sua identità. Tutto ha avuto inizio quando alcuni giorni fa una pattuglia della Polizia Locale di Brugherio si è imbattuta in via San Maurizio al Lambro in un abbandono di rifiuti, costituiti da arredamento da cucina e da altri accessori. Subito sono partiti gli accertamenti, resi possibili dalla collaborazione dei residenti (che hanno messo a disposizione anche le immagini delle telecamere private) e dai filmati del sistema di videosorveglianza comunale.

Nei guai è finito un 36enne

Le segnalazioni parlavano di un furgone Peugeot di colore bianco, visto nei paraggi poco prima che apparissero i rifiuti. E la Locale è poi arrivata all'autore dello scarico: si tratta di un 36enne residente a Cologno Monzese, B.F., titolare di un'impresa. Convocato in Comando a Brugherio e messo alle strette, ha ammesso le proprie responsabilità dichiarando che la grande quantità di mobilio era frutto di alcuni lavori eseguiti nell'abitazione di un cliente.

Le conseguenze penali

Trattandosi di un soggetto giuridico (operante come ditta) il 36enne è stato denunciato a piede libero in base al Testo unico ambientale, che prevede in base agli articoli 192 e 256 l'arresto da tre mesi a un anno o con l'ammenda da 2.600 a 26mila euro, essendo rifiuti non pericolosi. Inoltre è stato imposto l'immediato ripristino dello stato dei luoghi a sue spese mediante il recupero e lo smaltimento di quanto precedentemente abbandonato.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter