Segrate celebra la Liberazione di Parenzo

Il sindaco Paolo Micheli si è recato in visita nella città croata.

Segrate celebra la Liberazione di Parenzo
Martesana, 30 Aprile 2019 ore 17:59

C’era anche un po’ di Segrate oggi, martedì 30 aprile 2019, alla Festa della Liberazione di Parenzo. Il primo cittadino ha infatti partecipato alle celebrazioni.

Parenzo celebra la Liberazione insieme a Segrate

A qualche giorno dalle celebrazioni per la Festa della Liberazione nel nostro Paese, il primo cittadino di Segrate Paolo Micheli si è recato a Parenzo, cittadina dell’Istria liberata dal nazifascismo il 30 aprile del 1945, per partecipare alla cerimonia istituzionale e rinsaldare un rapporto di profonda amicizia che lega da tempo le due realtà. “Parenzo ha ancora forti radici italiane nella sua gente – ha commentato Micheli – E’ una città molto diversa rispetto a Segrate dal punto di vista urbanistico, ma è molto simile quanto a spirito comunitario e volontà di essere città accoglienti ed europee, che guardano al futuro in modo positivo, aprendo i propri confini e intrattenendo rapporti di amicizia anche a livello internazionale. Siamo felici di questo scambio di esperienze. Guardare oltre i propri confini fa crescere entrambe le città”.

Anche i croati erano stati ospiti in città

Il sindaco della cittadina croata, Loris Peršurić, recentemente era stato ospite a Segrate, occasione durante la quale i due borgomastri avevano posto le basi per vari progetti. “Abbiamo pensato di riproporre scambi culturali tra le nostre città, partendo dalle scuole e dallo sport – ha concluso Micheli – Quest’amicizia, che venne promossa a suo tempo da Dino Tonelli, fontanese di nascita e milanese d’adozione, era nata proprio con questo intento concreto ed è rimasta viva per oltre quindici anni grazie alle Amministrazioni passate e a tante persone che hanno mantenuto attivi e saldi i rapporti. E’ proprio da qui che vorremmo ripartire”.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia