Cronaca
Incidente

Scontro all'incrocio, quadriciclo elettrico si ribalta: ferito un 26enne

A provocare il sinistro avvenuto mercoledì 15 giugno 2022 a Cologno Monzese è stata una mancata precedenza.

Scontro all'incrocio, quadriciclo elettrico si ribalta: ferito un 26enne
Cronaca Martesana, 17 Giugno 2022 ore 15:47

Scontro all'incrocio, quadriciclo elettrico si ribalta: ferito un 26enne. A provocare il sinistro avvenuto mercoledì 15 giugno 2022 a Cologno Monzese è stata una mancata precedenza.

Incidente all'incrocio, un veicolo si ribalta

E' stato di un ferito, per fortuna non in gravi condizioni, il bilancio dell’incidente stradale avvenuto alle prime ore del mattino di mercoledì all’intersezione tra le vie Ginestrino e San Martino. La chiamata al 112 è partita poco prima delle 7, con l’intervento sul posto di un’ambulanza della Croce Bianca di Brugherio in codice rosso e di una gazzella dei Carabinieri della Compagnia di Sesto San Giovanni, oltre ai Vigili del fuoco.
A innescare il sinistro è stata la mancata precedenza di un’auto, guidata da un 22enne residente a Cologno che a quanto pare non si sarebbe accorto del transito di una Renault Twizy, una piccola monoposto elettrica della casa francese, omologata come un quadriciclo.

Ferito il conducente del quadriciclo finito ruote all'aria

E' stato il conducente di quest’ultima, un 26enne di Monza, ad avere bisogno delle cure del personale del 118. Per fortuna, diversamente da quanto si era temuto all’inizio, le condizioni di salute del guidatore si sono poi rivelate meno serie del previsto: l’uomo è stato poi trasportato in autolettiga al Pronto soccorso dell’ospedale San Raffaele, in codice verde. Ai militari sestesi, invece, è toccato il compito di ricostruire la dinamica dell’incidente. All’origine c’è stata una mancata precedenza: il 22enne, occupando l’incrocio, non si sarebbe accorto che proprio in quel momento transitasse il piccolo mezzo elettrico. E lo scontro (con ribaltamento) a quel punto è stato inevitabile.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter