Salvò 47 migranti a Lampedusa: falegname nel Giardino dei Giusti

Riconoscimento per l'artigiano (con la passione per la pesca) che li strappò a morte certa: stavano annegando in mare

Salvò 47 migranti a Lampedusa: falegname nel Giardino dei Giusti
Sesto, 17 Marzo 2018 ore 09:00

Salvò 47 migranti a Lampedusa: falegname nel Giardino dei Giusti. Riconoscimento per l'artigiano (con la passione per la pesca) che li strappò a morte certa: stavano annegando in mare.

Chi è il falegname eroe

vito fiorino foresta dei giusti
Vito Fiorino

Vito Fiorino è un falegname di Sesto San Giovanni. Trascorre molti mesi a Lampedusa, isola siciliana finita purtroppo spesso alla ribalta per le tragedie del mare. Il 3 ottobre 2013 caricò sulla sua barca il gruppo di migranti che rischiava di affogare. E' tra i personaggi iscritti nel Giardino dei Giusti del Monte Stella, "messaggeri del bene" che hanno compiuto un gesto in difesa degli altri e della dignità umana. La cerimonia di consegna delle pergamene si è tenuta nella Sala consiliare del Comune di Milano, alla presenza del presidente del Consiglio comunale, meneghino Lamberto Bertolè , di Gabriele Nissim, presidente di Gariwo e di Giorgio Mortara, presidente Ucei.

La storia del salvataggio da Gariwo

La storia e la candidatura di Fiorino sono state raccontate e avanzate da Gariwo. Fiorino era in rada in attesa dell’alba per uscire a pesca con un suo amico. Si è trovato circondato da naufraghi che urlavano disperatamente chiedendo aiuto. Erano in acqua da 4 ore: Fiorino sapeva che la situazione era drammatica. Senza pensarci due volte, cominciò a issare a bordo con l’aiuto dell’amico quante più persone possibili, fino a rischiare il ribaltamento dell’imbarcazione. Dopo aver dato l’allarme alla Capitaneria di porto, riportò le 47 persone di nazionalità eritrea salvate sulla terra ferma (46 uomini e una donna), strappandole a morte certa.