Rumeni in festa a Cassano d’Adda

Rumeni in festa a Cassano d’Adda
04 Dicembre 2016 ore 13:14

Comunità rumena in festa a Cassano d’Adda.

Domenica pomeriggio, al parco Belvedere, si è tenuta la settima edizione della Festa nazionale della Romania (che è in corso al momento in cui viene pubblicata questa notizia web e terminerà intorno alle 18).

La manifestazione, giunta alla settima edizione, è stata organizzata dall’Associazione culturale IH.th.IS di via Torino, che lo scopo di sostenere l’integrazione dei cittadini rumeni residenti a Cassano D’Adda e nelle zone limitrofe “attraverso un percorso di tutela e promozione dei diritti degli immigrati di avere una propria identità etnica, linguistica, culturale e religiosa, senza nulla togliere ai doveri verso la società ospitante”.

Ogni anno, all’inizio di dicembre si celebra la Festa nazionale della Romania, che ricorda la formazione, l’1 dicembre 1918, dello stato nazionale rumeno moderno.

Dopo la partecipazione del piccolo Regno della Romania alla Prima Guerra Mondiale (1916-1918), nel 1918 le regioni storiche nelle quali i rumeni formavano la maggioranza della popolazione (Bessarabia, Bucovina e Transilvania) decisero la loro unione con la Romania. Così, il 1 dicembre 1918, con l’unione della Transilvania, si concluse il lungo processo dell’unità nazionale dei romeni.

Oggi questa festa è ancora più ricca di significato anche perché questo giorno ha riacquisito la sua importanza storica dopo la caduta del regime totalitario di Ceausescu. Dal 1991, l’1 dicembre è ridiventato la Festa nazionale del popolo rumeno.

I partecipanti hanno pranzato insieme e nel pomeriggio si sono tenuti balli e letture di poesie.

Il programma di quest’anno è stato quasi totalmente presentato dai bambini che ogni domenica vanno in sede per prepararsi.

Tutti i dettagli nella prossima edizione del giornale in edicola e sul nostro portale web, nella versione sfogliabile online per smartphone, tablet e pc


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia