Ignobile gesto

Rubate le anatre dall’oasi di Opera verde

Spariti nove dei dodici esemplari accuditi e sfamati dai volontari di Opera verde, nell'oasi lungo la Muzza a Truccazzano.

Rubate le anatre dall’oasi di Opera verde
Cronaca Cassanese, 06 Dicembre 2020 ore 11:49

Rubate le anatre dall’oasi di Opera verde. Gesto ignobile che danneggia anche il lavoro dei volontari che curano l’area lungo la Muzza, a Truccazzano.

Sono sparite le papere di Opera verde

Per chiunque sia abituato a fare una passeggiata lungo la Muzza a Truccazzano, l’oasi curata da Opera verde è un luogo dove fermarsi a riposare e allontanarsi per un attimo dal rumore e dalla preoccupazioni. Lì, fino a qualche giorno fa, vivevano anche dodici anatre, accudite e sfamate dai volontari. Nella notte tra lunedì 30 novembre e martedì 1 dicembre 2020 qualcuno ha però deciso di portarle via. Al mattino seguente erano rimasti soltanto tre piccolini.

“Fatichiamo a capire”

“Si è trattato per forza di un furto – hanno sottolineato da Opera verde – Se fosse stato un predatore avrebbe lasciato segni e non ne avrebbe portate via così tante. E’ un gesto cattivo e di cui fatichiamo a comprendere il senso”. Le papere si trovavano nell’oasi da più di due anni. Tre erano adulte, mentre le altre nove erano più piccole, nate proprio a Truccazzano.

Portate in salvo le “sopravvissute”

“Abbiamo dovuto pensare anche alle tre piccole rimaste – hanno aggiunto – Lasciarle lì non era sicuro. Sono ancora troppo piccole e senza il gruppo a proteggerle era troppo pericoloso per loro. Così le abbiamo portate al sicuro in una cascina. Abbiamo ricevuto anche moltissima solidarietà da tutto il paese. Ringraziamo chi ci è stato vicino e confermiamo la volontà di andare avanti”.

Nella Gazzetta dell’Adda

Tutti i dettagli e le altre notizie della settimana nella Gazzetta dell’Adda disponibile in edicola e nella versione sfogliabile online a partire da sabato 5 dicembre 2020.

Torna alla home per le altre notizie di oggi

Condividi
Top news
Glocal news
Video più visti
Foto più viste
Curiosità