lutto

Rivolta dice addio allo storico bidello delle medie Ottorino Alberti

Una vita tra i ragazzi e nella pizzeria-gelateria La casetta verde. Si è spento ieri, domenica, all'ospedale Maggiore di Crema. I funerali si terranno oggi, martedì,alle 15.

Rivolta  dice addio allo storico bidello delle medie Ottorino Alberti
Cassanese, 17 Novembre 2020 ore 09:25

Si è spento domenica 15 novembre 2020, a 73 anni, lo storico bidello delle scuole medie di Rivolta, gelataio e pizzaiolo de “La casetta verde” Ottorino Alberti, che ha visto crescere tante generazioni di rivoltani prima di godersi la meritata pensione.

Addio a Ottorino Alberti

La notizia della scomparsa del bidello, che per anni ha lavorato alle medie la mattina e al pomeriggio nella pizzeria e gelateria di famiglia, ha lasciato tutti scossi.  Sposato, padre di un figlio e nonno di un bimbo di dieci mesi, era stato una figura di riferimento per generazioni di ragazzi. Era ricoverato al Maggiore di Crema per una serie di patologie, poi la situazione è precipitata.

“Adorava fare tutte e tre le sue occupazioni, non gli mancava la voglia di lavorare – ha detto il figlio Cristian –  e amava stare in mezzo alla gente pur essendo riservato. Per me è stato un esempio. Voleva bene ai ragazzi ma era capace di metterli anche in riga quando serviva, come faceva con me”.

“Di colpo mi trovo a stringermi alla famiglia di Ottorino per la perdita del loro caro – ha commentato l’assessore all’Ambiente Andrea Vergani, insegnante – era lo storico bidello delle scuole medie che già da anni era in pensione. Una persona bella, buona e sempre con il sorriso e magari qualche battuta divertente. Una persona con la quale potevi dialogare in libertà.  Sono certo che tutti i ragazzi che hai visto crescere potranno condividere queste parole. Un abbraccio sincero alla famiglia”.

Le esequie saranno celebrate martedì alle 15 nella basilica di Santa Maria Assunta e San Sigismondo.

TORNA ALLA HOME

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia