incredibile

Rissa al Centro di Arese, ragazzi aggrediscono e minacciano i carabinieri: “Vi taglio la gola” VIDEO

Una scena di follia, con ragazzi a petto nudo che minacciano i militari, intervenuti per sedare una rissa.

26 Ottobre 2020 ore 11:26

Rissa al Centro di Arese, ragazzi aggrediscono e minacciano i Carabinieri al grido di  “Vi taglio la gola”. (video da pagina Facebook degli Operatori di polizia)

Rissa al Centro di Arese, ragazzi aggrediscono e minacciano i carabinieri: “Vi taglio la gola”

Una scena di follia, con ragazzi a petto nudo che minacciano i Carabinieri, intervenuti per sedare una rissa e ripristinare l’ordine. Una lite scaturita tra alcuni clienti, probabilmente per la presenza di alcuni cani.

L’aggressione ai militari

I due uomini dell’Arma vengono accerchiati da ragazzi e persone con cani al guinzaglio. Lanciano di tutto, contro i militari e contro la loro auto. I Carabinieri cercano di calmare gli animi, si difendono ma non reagiscono neanche agli spintoni che si prendono. Alcuni ragazzi, un paio in particolare, a torso nudo, li sfidano: “Vienimi a prendere, ti aspetto. Ti taglio la gola, datemelo, gli taglio la gola”, si sente nel video ripreso da chi è lì. Il delirio è andato in scena al Centro Commerciale di Arese ieri pomeriggio, domenica 25 ottobre 2020, all’esterno.

Denuncia per il minore

Protagonisti, tra tutti, due fratelli di 20 e 17 anni, il primo finito in manette, dopo aver lanciato un coltello contro l’auto dei militari, accusato di violenza e resistenza. Il minore è stato denunciato. Durante la rissa e l’aggressione ai carabinieri decine di persone si accalcano, alcuni riprendono con i telefonini, dicono “infami” ai militari, “vi facciamo morire, vi scassiamo”, gli urlano mentre li spingono. La calma viene ripristinata alcuni minuti dopo, quando il più giovane dei fratelli, dopo aver urlato e minacciato ancora i militari, scappa.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia