Rinviato a giudizio, il vicesindaco di Cassano non si dimette

Rinviato a giudizio, il vicesindaco di Cassano non si dimette
31 Gennaio 2017 ore 12:07

Dopo il rinvioa a giudizio del vicesindaco di Cassano Vittorio Caglio le opposizioni e parte della maggioranza hanno chiesto le sue dimissioni.

Caglio si è preso qualche giorno per riflettere, poi ha inviato a sindaco, assessori e consiglieri una lettera in cui ripercorre le vicende del caso giudiziario che lo vede imputato, cioè l’assegnazione e poi la rimozione del bar a forma di ananas dall’area Pignone.

Nella stessa missiva il vicesindaco condivide le sue riflessioni e si sfoga: “Mi sento il protagonista de Il processo di Kafka”, ha scritto, dichiarandosi pronto a mettere a disposizione gli atti.

Alla fine, comunque, Caglio ribadisce la sua volontà di rimanere nell’Amministrazione, rifiutando di fare quel passo indietro che in molti gli hanno chiesto.

La lettera ha scatenato la reazione di consiglieri e politici. L’unico gruppo che però ha già annunciato che preferisce non commentare è Cassano etica ecologista.

Tutti i dettagli nella prossima edizione del giornale in edicola e sul nostro portale web, nella versione sfogliabile online per smartphone, tablet e pc 


Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia