Cronaca

Rapina a un portavalori di fronte alla stazione ferroviaria. Erano armati di pistola

Attimi di paura stamattina a Pioltello dove due uomini armati hanno rapinato un furgone portavalori.

Rapina a un portavalori di fronte alla stazione ferroviaria. Erano armati di pistola
Cronaca Martesana, 27 Gennaio 2020 ore 11:43

Rapina a un portavalori stamattina, lunedì 27 gennaio 2020, di fronte al supermercato Unes di via alla Stazione di Pioltello. Colpo messo a segno da due uomini, uno era armato.

Rapina a un portavalori di fronte all'Unes

E' successo tutto in pochi minuti lungo via alla Stazione all'altezza della piastra commerciale del supermercato. L'addetto al ritiro degli incassi del punto vendita aveva appena parcheggiato il suo furgone con cella di sicurezza lungo la strada. Erano all'incirca le 9.30. A un tratto un'auto bianca, un'Audi di grossa cilindrata, si è affiancata al veicolo in sosta. Una manovra repentina e inattesa, Dal mezzo sono scesi due uomini con il volto coperto da cappuccio e sciarpa. Uno di loro era armato di pistola.

Aggredito il dipendente

Stando a quanto raccontato dai testimoni, i due rapinatori hanno puntato la pistola al dipendente incaricato del ritiro dell'incasso, lo hanno fatto sdraiare in terra e sono entrati nel vano posteriore del furgone. Hanno rovistato tra le cassette, quindi hanno notato la cassaforte posta nel fondo. Immediatamente hanno intimato all'uomo di consegnare le chiavi dell'armadio blindato e lo hanno persino colpito al volto con violenza per farsi consegnare ciò che volevano.

La fuga e l'arrivo delle Forze dell'ordine

La scena non è passata inosservata e diverse persone hanno cominciato ad avvicinarsi ai due rapinatori, qualcuno ha anche allertato il 112. Visto il clamore suscitato, i rapinatori sono risaliti immediatamente sulla loro auto e sono fuggiti verso le Provinciali. Proprio un attimo prima che sul posto piombassero i carabinieri della Tenenza di Pioltello e quelli del Nucleo Radiomobile di Cassano d'Adda. I quali non hanno potuto fare altro che raccogliere le testimonianze dei presenti e dell'uomo aggredito. Non c'è stato bisogno dell'intervento dei sanitari, nonostante il forte colpo il dipendente si è rimesso in piedi tamponandosi l'ematoma con del ghiaccio.

Da verificare ancora l'entità del bottino sottratto.

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter