Menu
Cerca
covid

Quanto ci vuole per fare il vaccino? In Fiera a Milano si cronometrano i tempi

Sabato e domenica al via l'iniziativa: l'obiettivo è capire le tempistiche per coprire tutta la popolazione lombarda entro giugno.

Cronaca 06 Febbraio 2021 ore 13:23

Oggi, sabato 6, e domani, domenica 7 febbraio 2021, in Fiera a Milano ha preso il via la seconda fase della sperimentazione delle vaccinazioni anti-Covid. Come aveva annunciato nei giorni scorsi il coordinatore della campagna in Lombardia Guido Bertolaso, verrà cronometrato il tempo di somministrazione, di modo da capire come muoversi per raggiungere l’ambizioso obiettivo dichiarato la scorsa settimana dall’ex capo della Protezione civile: vaccinare tutti i lombardi entro giugno.

Vaccini: via al cronometro

Si tratta del progetto di Regione Lombardia, avviato da Areu, qualche settimana fa, che prevede la vaccinazione di circa 2.500 volontari dell’Azienda regionale dell’emergenza urgenza. Volontari che oggi, tra le 9 e le 18, e domani, riceveranno la seconda dose del vaccino.

“Cronometreremo i tempi impiegati dall’inizio al termine della singola somministrazione per capire il totale del numero di vaccini che si riesce ad effettuare nelle 24 ore” aveva anticipato Guido Bertolaso, responsabile della campagna di vaccinazione anti-Covid in Lombardia e coordinatore della specifica unità di crisi.

Questa sperimentazione ha come obiettivo quello di individuare il percorso migliore per effettuare le somministrazioni dei vaccini in più punti, distribuiti sul territorio regionale, e 24 ore su 24, come annunciato proprio da Bertolaso nel giorno del suo insediamento, completando quindi le vaccinazioni anti-Covid entro il mese di giugno.

I drive in strategici

In questo senso, diventerà strategico e funzionale poter contare sulla trasformazione degli attuali ‘drive in’ utilizzati per effettuare i tamponi in punti per la somministrazione vaccinale anti Covid, come anticipato dalla vicepresidente della Regione Lombardia e assessore al Welfare Letizia Moratti.

Lo studio dovrebbe essere pronto entro la fine della prossima settimana.

La vicepresidente di Regione Lombardia nel confermate particolare apprezzamento per la disponibilità di Bertolaso a garantire il suo contribuito per l’attuazione del piano vaccinale, sottolinea che “nel mettere in campo questo progetto abbiamo fissato grandi obiettivi che riguardano il Diritto alla Salute, al Lavoro, allo Studio e di riappropriarsi di importanti momenti di socialità. È evidente che tutti i diritti sono fondamentali, ma è altrettanto evidente che in questo momento la salute è condizione necessaria per garantire la ripresa”.

5 foto Sfoglia la gallery