Cronaca

Prefetto di Milano in visita al Satellite: "Sulla strada giusta"

Ha visitato la situazione del quartiere insieme al sindaco Cosciotti per valutare l'andamento dei progetti in corso.

Prefetto di Milano in visita al Satellite: "Sulla strada giusta"
Cronaca Martesana, 19 Febbraio 2019 ore 14:48

Il prefetto di Milano Renato Saccone ha visitato stamattina il quartiere Satellite di Pioltello, accompagnato dal  sindaco  Ivonne Cosciotti per toccare con mano la situazione.

Prefetto di Milano tra i palazzoni del Satellite

Non capita spesso che la massima autorità provinciale in termini di sicurezza pubblica lasci il suo ufficio a Milano per effettuare un sopralluogo, ancor più difficile che lo faccia in periferia. Eppure Saccone ha passato la mattinata tra via Cimarosa, via Cilea e Mozart, visionando i palazzoni del Satellite, parlando con i commercianti e soprattutto ascoltando le relazioni dell'Amministrazione comunale.

Un tour per essere vicini alle necessità

"Siamo partiti dal condominio di via Cimarosa 1, lì dove è nato il progetto che stiamo portando avanti con la Prefettura e il Tribunale - ha spiegato il sindaco Cosciotti - Il prefetto ha voluto verificare in prima persona l'andamento dei progetti che abbiamo avviato e lo stato del quartiere. In particolare ha voluto capire quanto le istituzioni avessero capacità di incidere sulla situazione".

Una zona presidiata

Parlando con la popolazione e con l'Amministrazione è emerso come il quartiere porti con sé ancora tanti problemi, soprattutto finanziari e  strutturali che richiedono un intervento importante da parte delle istituzioni. "E' innegabile come in questi anni si sia lavorato per dare un segnale concreto a tutti i livelli - ha continuato il sindaco - Specialmente nella lotta alla criminalità, all'abusivismo e alla speculazione. Rispetto a due anni e mezzo fa abbiamo un quadro molto più chiaro delle esigenze del Satellite, ma anche delle realtà che lo vivono".

Una sfida politica e sociale

L'ambizioso progetto che il sindaco Cosciotti continua a portare avanti con la Prefettura, il Tribunale e le associazioni del territorio è di riuscire a riqualificare il quartiere. "Oggi il Satellite non è più un luogo dove nascondersi o dove poter fare quello che si vuole impunemente - ha concluso - Stiamo continuando a lavorare per mettere insieme realtà, pubbliche e private, che permettano di fare il salto in avanti. La sfida è di natura politica, ma anche sociale: ristrutturare una periferia degradata senza fini speculativi o interessi illeciti. Per questo devo ringraziare il prefetto Saccone che dal suo insediamento ci sta accompagnando in questo percorso, in maniera concreta, mettendoci la sua presenza come fatto oggi".

TORNA ALLA HOME PAGE PER IL RESTO DELLE NOTIZIE. 

 

Seguici sui nostri canali