Cronaca
l'emergenza

Pozzo d'Adda, al cimitero restano solo 4 posti

Sono rimasti soltanto quattro colombari e il cantiere per l'ampliamento è stato bloccato dal Covid

Pozzo d'Adda, al cimitero restano solo 4 posti
Cronaca Cassanese, 11 Aprile 2020 ore 11:30

Pozzo d'Adda, al cimitero stanno finendo i posti. Restano solo quattro colombari e l'Amministrazione sta provando a trovare una soluzione.

Al cimitero di Pozzo mancano gli spazi

La storia è ormai nota. Da ormai un anno il cimitero di Pozzo d'Adda è in attesa di un ampliamento. Si tratta di opere previste nel contratto stipulato tra l'Amministrazione e una cooperativa per la gestione dei servizi cimiteriali. Il documento prevedeva che, dopo un primo lotto realizzato all'atto della firma, il concessionario provvedesse a realizzare altri 128 loculi e 10 tombe famigliari entro cinque anni dalla stipula del contratto (firmato nel 2013) o comunque prima che terminassero gli spazi liberi. Dopo vari intoppi e rinvii, sul finire di febbraio il cantiere è stato allestito, ma le ruspe non sono mai arrivate, bloccate dall'emergenza sanitaria.

Il sindaco scriverà al Prefetto?

I cantieri sono stati bloccati in tutto il Paese, ma a Pozzo la situazione rischia di diventare insostenibile. Il mancato inizio dei lavori ha lasciato soltanto quattro colombari liberi e, nel caso in cui non si provvedesse in tempi brevi all'ampliamento, il rischio è di dover utilizzare le tre tombe famigliari a disposizione in via d'emergenza. L'Amministrazione, che per mesi aveva sollecitato la cooperativa per chiedere l'inizio dei lavori, starebbe pensando ora di scrivere al Prefetto per ottenere il via libera al cantiere in deroga vista la situazione d'emergenza che potrebbe venirsi a creare.

Nella Gazzetta dell'Adda

Tutti i dettagli e le altre notizie della settimana nella Gazzetta dell'Adda disponibile in edicola e nella versione sfogliabile online a partire da sabato 11 marzo 2020.

Torna alla home per le altre notizie di oggi

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter