Ponte pedonale sulla Cerca troppo basso, installazione rimandata a data da destinarsi

Con la Fiera delle Palme ormai sotto le porte, resta da risolvere la questione legata ai ritardi di Città Metropolitana.

Ponte pedonale sulla Cerca troppo basso, installazione rimandata a data da destinarsi
Melzese, 22 Febbraio 2018 ore 08:42

Sembrava troppo bello che ci volessero "solo" dieci anni per realizzare il ponte pedonale sulla Cerca tra il parcheggio di via Colombo e via San Rocco. Ma come per quello più famoso di Messina, anche la struttura melzese è destinata a far penare ancora. Infatti i lavori per il completamento della struttura sono stati rimandati a data da destinarsi.

Ponte pedonale troppo basso

Tutto colpa dell'altezza. O meglio, di chi l'ha contestata. Infatti Città Metropolitana, l'ente che ha in carico l'opera, ha ricevuto una contestazione formale da parte di un'azienda di trasporti eccezionali. La quale ha sostenuto che l'altezza prevista per il ponte non è sufficiente per il passaggio dei suoi mezzi e quindi fatto richiesta di alzare la volta del ponte.

Come sempre, mancano i soldi

Città Metropolitana nella progettazione dell'opera ha rispettato le quote minime previste, ma si è detta disponibile ad aumentare di circa un metro l'altezza del ponte. Peccato, però, che manchino i soldi per farlo. Così la missiva spedita all'azienda di trasporti eccezionali chiedeva una compartecipazione nelle spese per l'adeguamento delle misure alle necessità della ditta. La situazione, la momento, è in stand bye con i lavori di completamento dell'opera che sono destinati a slittare.

Opera finita, quando?

Un problema non da poco se si considera che la conclusione del cantiere è prevista per la fine di febbraio. Scadenza che, ovviamente, non sarà rispettata da Città Metropolitana. La quale potrebbe chiedere al Comune una proroga del periodo di occupazione del suolo pubblico tra via Colombo e via San Rocco. Senza dimenticare l'ormai imminente Fiera delle Palme. Le due istituzioni dovranno trovare un accordo per capire quale sia la formula che creerebbe minori disagi ai visitatori della festa (immaginate la colonna di auto in fila per il restringimento al termine del cavalcavia della Sp13 in direzione Melzo...). E il tempo per farlo è davvero poco.