Cronaca

Polizia arresta due giovani spacciatori: il giudice li rimette subito in libertà

Sono stati trovati in possesso di quasi un etto di droga: per loro, però, nessuna misura cautelare

Polizia arresta due giovani spacciatori: il giudice li rimette subito in libertà
Cronaca Sesto, 15 Febbraio 2018 ore 14:38

La Polizia arresta due giovani spacciatori. E il giudice li rimette subito in libertà. Erano stati trovati in possesso di quasi un etto di droga: per loro, però, non è stata presa alcuna misura cautelare.

Giovani spacciatori bloccati dalla Polizia

Alla richiesta dei poliziotti, uno dei due giovani ha immediatamente consegnato tre involucri di carta stagnola, all’interno dei quali erano contenute diverse dosi di marijuana. Ma altro stupefacente è spuntato fuori a seguito della perquisizione dell’auto e delle abitazioni. In tutto si parla di quasi un etto di "maria" e di hashish, oltre al contante che gli agenti del Reparto volanti di Sesto San Giovanni sostengono a ragione essere il provento dell’attività di spaccio della coppia. A finire in manette, martedì, sono stati un 19enne e un 18enne, entrambi italiani, sestesi e già noti alle Forze dell’ordine. Sono stati fermati da una pattuglia del Commissariato in viale Edison, proprio perché già conosciuti per il "vizio" dello spaccio. Si trovavano in auto assieme a un’altra persona, una ragazza anche lei da poco maggiorenne, risultata però pulita.

Controllate anche le abitazioni di pusher

Subito, come detto, uno dei due arrestati ha consegnato agli agenti il primo quantitativo di stupefacente. Ma dalle tasche del 19enne e dall’abitacolo dell’auto guidata da lui stesso è emersa altra droga. Stessa sorte per le case dove abitano i due sestesi: in una è stato rinvenuto dagli agenti del Commissariato anche il materiale e i bilancini utilizzati per il confezionamento delle dosi. In tutto, a finire sono sequestro sono stati circa un etto di marijuana e "fumo" e 280 euro in contanti. Gli arrestati - mercoledì - sono finiti in Tribunale, a Monza, per il processo per direttissima. Gli arresti sono stati convalidati, ma il giudice ha subito rimesso in libertà i due fermati. Per loro non è stata decisa alcuna misura, nemmeno l’obbligo di firma.

Il servizio nell'edizione cartacea di Sestoweek in edicola da sabato 17 febbraio

Seguici sui nostri canali