Cronaca
ambiente

Poche risorse e ordinanza regionale: a Rodano si taglia meno verde

Dal Comune: "Per fare le cose bene servono tempo e denaro, due risorse che il Coronavirus ha messo a dura prova".

Poche risorse e ordinanza regionale: a Rodano si taglia meno verde
Cronaca Melzese, 17 Agosto 2020 ore 09:51

Taglio dell'erba sì, ma in versione "ridotta". A Rodano sono in corso gli interventi di taglio del verde, che hanno subìto però una significativa riduzione del numero.

Meno tagli del verde a Rodano

La ragione - informa l'Amministrazione comunale - è la nota diminuzione delle entrate comunali destinate al pagamento delle spese correnti quali, appunto, i servizi di manutenzione del verde pubblico.

A questa diminuzione si sono poi aggiunte la pandemia e l'ordinanza regionale che vieta fino al prossimo 31 di agosto l’utilizzo di soffiatori meccanici, spazzatori ad aria e “servizi di spazzamento manuale” (cioè le scope) per evitare di sollevare polvere. Per questa ragione non è tuttora possibile rimuovere l'erba tagliata nelle zone non accessibili alla falciatrice/raccoglitrice, erba che perciò si deposita sui marciapiedi.

Manutenzione di piazze e strade

Per quanto riguarda la manutenzione di piazza delle Betulle, di via dei Tigli e di alcuni marciapiedi della frazione di Millepini  in occasione dell'ultima variazione di bilancio sono state stanziate le risorse per la realizzazione degli interventi programmati.

"Chiediamo  ai rodanesi un po' di pazienza - aggiungono da Palazzo - Per fare le cose bene servono tempo e denaro, due risorse che il Coronavirus ha messo a dura prova caricando, in più, l'Amministrazione di compiti straordinari e imprevisti che pesano in modo notevole sulle finanze pubbliche.  Ricordiamo a tutti i cittadini che, ai sensi dell'art. 57 del Regolamento edilizio, la cura del marciapiede prospiciente le proprie abitazioni spetta ai proprietari, i quali "devono garantire con solleciti interventi l’igiene, il decoro e la pulizia” (oltre che, in stagione, lo sgombero della neve dai marciapiedi fronteggianti le rispettive proprietà). Questa regola è tuttora in vigore e va applicata anche nei luoghi che verranno sottoposti ai previsti interventi del Comune".

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter