Pioltello aggressione al gazebo di Liberi e uguali

Gli esponenti di Liberi uguali denunciano un'"aggressione di stampo fascista" al banchetto elettorale subita dalla candidata Lucrezia Ricchiuti e dal suo collaboratore Alessandro Lima.

Pioltello aggressione al gazebo di Liberi e uguali
Cronaca Martesana, 24 Febbraio 2018 ore 13:48

Aggressione oggi,  sabato mattina, al mercato di Pioltello a un gazebo di Liberi e Uguali. Colpiti i candidati di Camera e Senato della formazione politica di sinistra che accusa: "sono stati i militanti di casa Pound".

Aggressione ai candidati di Liberi e uguali

Colpite la senatrice Lucrezia Ricchiuti, capolista nel locale collegio plurinominale per il Senato e il suo collaboratore Alessandro Lima.  "Questo è uno dei risultati della politica che lascia spazio ai fascisti mentre colpevolizza chi manifesta contro la concessione di spazi pubblici a chi è bandito dalla nostra Costituzione - hanno dichiarato dal coordinamento cittadino. La nostra solidarietà a Lucrezia e Alessandro".

Il racconto della Ricchiuti

Questo il testo del post che Ricchiuti ha appena posta su Facebook

"Mentre stavamamo facendo uno dei tanti nostri partecipati volantinaggi tra la gente del mercato di Pioltello siamo stati avvicinati da un militante di Casa Pound che ha cominciato a sostenere che ricostruire il partito fascista non è reato, ripetendolo all'infinito. Poi ha cominciato a riprendere col telefonino un nostro militante per poi colpirlo con un pugno nello sterno. Un fatto vile che denota un clima intollerabile. Il fascismo deve essere fermato ora. Non ci intimidiranno, ma una democrazia sana deve espellere questi batteri tossici".

 

Appello alla mobilitazione

"E' necessaria una grande mobilitazione per difendere i principi della Costituzione antifascista e per chiedere al Ministro dell'interno di applicare le leggi esistenti che vietano la ricostituzione del partito fascista - hanno ripreso i membri del coordinamento locale - Basta piazze ai fascisti, scioglimento delle organizzazioni fasciste". Qualche mese fa militanti antifascisti avevano manifestato proprio a Pioltello contro un gazebo di "Casa Pound".

Il sostegno degli altri circoli di zona

Questo il post appena pubblicato dalla sezione di Cinisello di Liberi e Uguali. "Cinisello Balsamo esprime la propria vicinanza alle compagne e ai compagni della città di Pioltello che oggi hanno subito una aggressione fascista al proprio banchetto elettorale da parte di militanti di CasaPound. Con loro la senatrice Lucrezia Ricchiuti a cui va la nostra solidarietà e l'augurio di continuare questi ultimi giorni di campagna elettorale con la forza e la passione di sempre. Queste organizzazioni non hanno nulla di democratico e di politico. Devono essere sciolte e bandite dalle competizioni elettorali".

Casa Pound risponde

Poco dopo è arrivata la replica di Casa Pound, che ha minacciato di denunciare la candidata di Leu per calunnia.