Cronaca
Maltrattamenti in famiglia

Picchia la moglie e la chiude in casa per non farla andare al lavoro: arrestato dalla Polizia

Misura cautelare in carcere per un 35enne di Sesto San Giovanni responsabile di violenze verbali e fisiche nei confronti della consorte. Anche davanti ai figli minori.

Picchia la moglie e la chiude in casa per non farla andare al lavoro: arrestato dalla Polizia
Cronaca Sesto, 16 Gennaio 2022 ore 10:25

Picchia la moglie e la chiude in casa per non farla andare al lavoro: arrestato dalla Polizia di Stato. Misura cautelare in carcere per un 35enne di Sesto San Giovanni responsabile di violenze verbali e fisiche nei confronti della consorte. Anche davanti ai figli minori. Ora si trova nella casa circondariale di Monza.

Maltrattamenti in famiglia: in manette un 35enne

Nel pomeriggio di ieri, 15 gennaio 2022, la Squadra volante del Commissariato di Polizia di Sesto San Giovanni ha eseguito l'arresto di cittadino extracomunitario, classe '86, in esecuzione di una misura cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Monza per  maltrattamenti in famiglia. Le indagini eseguite dalla Sezione Polizia anticrimine sono partite a seguito di una querela sporta dalla donna, che ha raccontato di reiterati episodi di violenza verbale e fisica da parte del marito, che purtroppo non erano cessati a seguito della prima querela. Anzi, la situazione era ulteriormente peggiorata.

Chiudeva la moglie in casa per gelosia

La donna continuava a essere vittima di violenze domestiche da parte del marito, che per gelosia in diversi frangenti le ha sottratto il telefono per non contattare le Forze dell’ordine, chiudendola in casa e impedendole di fatto anche di presentarsi al lavoro. E' stata quindi convocata in Commissariato con una scusa (la presentazione di documenti per il permesso di soggiorno) e ha presentato una nuova querela, alla quale sono state allegate le fotografie degli ematomi e delle ferite provocati dalla furia dell'uomo. Quest'ultimo non esitava a picchiarla nemmeno davanti ai figli minorenni.

Seguici sui nostri canali