Menu
Cerca
Lavori in corso

Per rifare il ponte ciclopedonale della Besozza Pioltello investe 230 mila euro

Per permettere l'intervento sarà necessario chiudere parzialmente la Rivoltana, con il traffico che sarà deviato su una sola corsia.

Per rifare il ponte ciclopedonale della Besozza Pioltello investe 230 mila euro
Cronaca Martesana, 12 Aprile 2021 ore 11:32

Duecentotrentamila euro. Questa la cifra stanziata per il rifacimento del ponte ciclopedonale  che collega Limito di Pioltello con il Parco della Besozza.

Lavori al ponte ciclopedonale a Limito

Sono partiti  la scorsa settimana i lavori per il rifacimento dell’attraversamento sopraelevato della Rivoltana, il collegamento che da via Dante permette di raggiungere a piedi o in bicicletta il parco della Besozza. Un intervento che si era reso necessario per garantire la manutenzione del ponte, specialmente delle parti in legno ammalorate dal passare del tempo.

L’Amministrazione comunale di Pioltello ha così dato mandato di procedere alla sostituzione delle assi, un lavoro che complessivamente verrà a costare all’incirca 230mila euro.

Più facile a dirsi che a farsi

Infatti l’intervento è tutt’altro che semplice. Il ponte passa sopra la Rivoltana, la trafficata tangenziale che collega la Martesana con Milano. Di conseguenza bisogna garantire la totale sicurezza degli automobilisti e dei mezzi pesanti che la utilizzano: anche solo una piccola vite che cade su mezzi in corsa potrebbe avere effetti drammatici.

Il ponte verrà dunque avvolto all’interno di una “busta” protettiva che permetterà agli operai di lavorare in totale sicurezza. Ma questo non è l’unico aspetto complesso dell’intero intervento.

Per motivi estetici, infatti, i bulloni che fissano le assi in legno si trovano nella parte inferiore del ponte e non raggiungibili dall’alto. Ciò significa che per lavorare sulla parte centrale dell’attraversamento bisognerà posizionare dei ponteggi proprio all’interno della tangenziale.

Strada chiusa a corsie alterne

Di conseguenza i progettisti hanno studiato una modalità per portare avanti i lavori senza creare eccessivi disagi alla viabilità. I ponteggi saranno posizionati una corsia alla volta, con un restringimento della strada su carreggiata unica invece che doppia. Ovviamente il cantiere sarà opportunamente segnalato per permettere ai veicoli di ridurre la velocità.

Bisognerà attendere il via libera da Città Metropolitana per questa fase dei lavori, di conseguenza si partirà con le rampe di accesso al ponte che non presentano particolari problematiche.

Fino a quando il ponte sarà chiuso, l’accesso consigliato al Parco resta quello del quartiere Malsapina presso il parcheggio retrostante l’azienda 3M.