la storia infinita

Paullese: slitta ancora il raddoppio

L'opera si concluderà probabilmente nel 2023.

Paullese: slitta ancora il raddoppio
Martesana, 27 Agosto 2020 ore 08:42

Un nuovo rinvio, l’ennesimo, per quella che davvero potremmo chiamare “la storia infinita”. Slitta ancora il raddoppio della Paullese nel tratto compreso tra la Cerca e la Teem.

Raddoppio Paullese, nuovo rinvio

Città Metropolitana ha  confermato  lo slittamento al 2021 della cantierizzazione dell’intervento, la cui conclusione dunque si sposta al 2023. Di mezzo ci si è messa anche l’emergenza Covid che ha di fatto bloccato le operazioni preparatorie che erano state avviate e che sono state sospese a marzo.

I forzati della trafficata Provinciale saranno costretti dunque ad attendere ancora a lungo le due corsie per senso di marcia delle quali possono usufruire soltanto nei tratti Crema-Spino (14 chilometri) e Peschiera Borromeo-Cerca (cinque chilometri) per poi incappare, inevitabilmente, negli incolonnamenti generati dal mancato raddoppio tra Zelo e Spino

“L’ormai conclamato spostamento dell’avvio di un’infrastruttura ipotizzata addirittura nel 1984 di orwelliana memoria comporta, fra le altre conseguenze, pure il perdurare di una fruizione parziale del ponte che permette di scavalcare A58-TEEM e che la Concessionaria ha ultimato da un lustro (quattro milioni di euro l’investimento) con l’obiettivo di favorire l’accessibilità all’Autostrada – hanno commentato dai vertici di Teem –  Tale viadotto, stante l’assenza dell’opera a carico di Città metropolitana mirata a garantire la fluidificazione del segmento in questione, che avrebbe dovuto entrare in esercizio insieme con la Melegnano-Agrate, resterà, del resto, off-limits per la metà delle migliaia di utenti in coda nei giorni feriali”.

Le multe di Paullo

Gli automobilisti e gli autotrasportatori bloccati sulle due corsie di ponte (una per senso di marcia) percorribili si dovranno dunque rassegnare a sopportare ancora per 36 mesi sia il danno provocato dalle file sia la beffa innescata dal constatare che, in parallelo con la porzione di  Paullese  sovrastante l’Autostrada, corrono altre due corsie non transitabili in latitanza del raddoppio.

Nel 2019, 10.000 pendolari imprigionati nel caos viabilistico hanno tentato di evadere dalle code avventurandosi, in qualsivoglia giorno feriale, nel centro storico di Paullo e incorrendo nelle  multe derivanti dagli ingressi vietati nella Ztl.

 TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia