Parroco lancia sottoscrizione per aiutare storica libreria di Trezzo

Servono ventimila euro a Il Gabbiano per pagare al Comune il cambio di destinazione d'uso quando si trasferirà nella Casa di don Peppino, l'immobile parrocchiale destinato ad accogliere il negozio e polo culturale.

Parroco lancia sottoscrizione per aiutare storica libreria di Trezzo
Trezzese, 30 Marzo 2019 ore 10:22

Il parroco di Trezzo ha lanciato una sottoscrizione per raccogliere fondi da devolvere alla libreria Il Gabbiano e aiutarla a ultimare il trasloco nella Casa di don Peppino.

La sottoscrizione di don Alberto per aiutare Il Gabbiano a spiccare il volo

«Il Gabbiano per spiccare il volo e trasferire il suo nido nella Casa di don Peppino ha bisogno del sostegno di tutti». Lo ha comunicato a viva voce il parroco don Alberto Cereda, dopo il diniego da parte dell’Amministrazione di approvare una convenzione che avrebbe permesso di non pagare il costo degli onori di urbanizzazione che libreria, nonché polo culturale e sociale, sita fino a sabato in via Torre, dovrebbe versare al Comune per trasferirsi negli spazi, da poco ristrutturati, che si trovano davanti alla sede dell’ex Asl di piazzale Gorizia.

Un ostacolo burocratico da ventimila euro

In pratica, il parziale (visto che Il Gabbiano occuperebbe solo alcuni locali della struttura parrocchiale) cambio di destinazione d’uso dell’immobile costa 20mila euro; una cifra troppo onerosa per le casse della cooperativa libraria (che ha sede a Vimercate). Da qui l’idea di don Alberto, dare vita a una raccolta fondi per superare, una volta per tutte, il costoso ostacolo burocratico.

Il sindaco non commenta

Il sindaco Danilo Villa ha preferito dichiarare un laconico "no comment" su una vicenda che sta diventando per l'Amministrazione al quanto intricata, anche in vista delle prossime elezioni amministrative.

Sulla Gazzetta dell'Adda l'articolo completo

Leggi l'articolo completo sulla Gazzetta dell'Adda in edicola da sabato 30 marzo e nello sfogliabile online.

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter