Ordinanza anti profughi, se ne parla a ottobre

Ordinanza anti profughi, se ne parla a ottobre
18 Maggio 2018 ore 10:53

Mercoledì è stato deciso di rimandare l’udienza sull’ordinanza anti profughi.

Ordinanza anti profughi, rinvio del giudice

Ordinanza anti profughi, se ne parlerà a ottobre. All’udienza di mercoledì, infatti, il giudice ha stabilito il rinvio. Tra i sindaci che hanno firmato il documento ci sono quello di Inzago Andrea Fumagalli e quello di Cologno Angelo Rocchi. La loro posizione è diversa rispetto al primo cittadino di Gallarate, dato che avevano sottoscritto l’ordinanza come gesto politico, per poi ritirarla.

Il prefetto si era già espresso

Il documento, a seguito dell’intervento del prefetto Luciana Lamorgese, era stato subito revocato. La rappresentante del Governo aveva sottolineato che non è dimostrato “che l’accoglienza dei migranti metta in pericolo la sicurezza e la salute pubblica” e che l’immigrazione è “una materia di esclusiva competenza statale”. Tre le associazioni che hanno denunciato i sindaci per l’ordinanza sull’accoglienza dei richiedenti asilo, che imponeva ai cittadini che ospitano stranieri all’interno del programma Sprar (gestito dalla Prefettura) l’obbligo di segnalarlo anche al Comune: Apn (Avvocati per niente), Naga, associazione volontaria di assistenza socio-sanitaria e per i diritti dei cittadini stranieri, rom e sinti, e Asgi, associazione studi giuridici sull’immigrazione.
TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

 

Food delivery
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia