La decisione

Ordinanza anti-assembramenti: stop alle auto davanti a scuola

La scelta del Comune di Vimodrone per rispettare la normativa anti-Covid e bloccare la sosta selvaggia

Ordinanza anti-assembramenti: stop alle auto davanti a scuola
Martesana, 29 Agosto 2020 ore 10:49

Ordinanza anti-assembramenti: stop alle auto davanti a scuola. La scelta del Comune di Vimodrone per rispettare la normativa anti-Covid e bloccare la sosta selvaggia.

Ordinanza anti-assembramenti: basta auto davanti alla scuola

Evitare assembramenti di persone secondo quanto previsto dai protocolli di sicurezza anti-Covid, tagliare alla radice gli ingorghi di auto e (non ultimo) permettere ai residenti del condominio che si trova di fronte alla scuola primaria di via Fiume di poter utilizzare i loro box regolarmente, senza essere costretti a dare il via a un “concerto di clacson” per attirare l’attenzione degli automobilisti poco ligi al buonsenso e alle norme del Codice della strada. Obiettivi che l’Amministrazione comunale ha deciso di raggiungere tramite un’ordinanza firmata nei giorni scorsi dal comandante della Polizia Locale Giovanni Pagliarini, che entrerà ufficialmente in vigore a partire da lunedì 7 settembre (prima campanella per i bambini delle materne) e che rimarrà in vigore fino a nuove disposizioni.

Una richiesta dell’assessorato all’Istruzione

Un atto richiesto espressamente dall’assessore all’Istruzione Marco Albertini, all’approssimarsi dell’ormai imminente inizio dell’anno scolastico e del ritorno in classe di alunni e studenti dopo il lockdown. Nell’area del passo carraio di fronte ai numeri 57 e 65 di via Fiume è stato istituito il divieto di transito per i veicoli non autorizzati, con divieto di sosta e rimozione forzata. Verranno installati (oltre alla segnaletica verticale) anche dei dissuasori stradali per impedire il passaggio e la sosta dei veicoli e garantire l’utilizzo dei garage.

TORNA ALLA HOME PAGE PER LE ALTRE NOTIZIE DEL GIORNO.

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Curiosità
ANCI Lombardia