Cronaca

Operai sul tetto, protesta a Pozzo d'Adda FOTO

Quindici persone rischiano il posto.

Operai sul tetto, protesta a Pozzo d'Adda FOTO
Cronaca Trezzese, 27 Settembre 2019 ore 08:21

Operai sul tetto della ditta. Mattinata di proteste a Pozzo d'Adda.

Operai sul tetto a Pozzo d'Adda

Una protesta clamorosa quella che sta  andando in scena dalle prime ore di questa mattina, venerdì 27 settembre 2019, a Pozzo d'Adda. La vicenda è quella del passaggio di proprietà tra Sticob e Ntm. Una questione che, dopo mille peripezie, sembrava essere giunta a un esito positivo la scorsa settimana, con l'accordo dato per fatto  e la firma imminente.

Gli sviluppi imprevisti

Invece, negli ultimi giorni qualcosa è andato storto e l'accordo sembra sul punto di saltare. E così gli operai della ditta (una quindicina in totale) stamattina hanno dato vita alla protesta. Sul posto anche i carabinieri della Compagnia di Cassano d'Adda. La situazione al momento è tranquilla.

Il comunicato sindacale

Il sindacato Uilm ha distribuito una nota:

Il 26 settembre abbiamo appreso definitivamente l'impossibilità che Sticob, in liquidazione, e Ntm trovino un accordo sull'affitto-acquisizione evitando lo sfratto da parte dell'ufficiale giudiziario e il licenziamento dei lavoratori. Dalla speranza alla disperazione il passo è stato breve. Ci siamo subito attivati per tutelare i lavoratori e abbiamo chiesto e ottenuto un incontro per chiedere che venissero assorbite le maestranze presso altri stabilimenti del gruppo Ntm. L'esito è stato che le parti sono addivenute a un accordo sindacale di garanzia e di tutele per tutti i soggetti (lavoratori, Ntm e Sticob). In questo accordo viene rilanciata e salvaguardata l'occupazione, viene garantita attraverso una figura terza di garanzia che avrà le chiavi dello stabile la consegna del capannone a Sticob tra 60 giorni, viene data possibilità a Ntm di smontare e portare via le proprie attrezzature. Uilm e lavoratori convengono che lo sfratto debba essere rimandato di 60 giorni. Invitiamo Sticob a fare l'interesse di suoi ex lavoratori ed evitare di sbatterli in mezzo a una strada

Gli sviluppi

Alle 9 è arrivato l'ufficiale giudiziario. Attorno alle 10, Ntm ha comunicato che non si presenterà al picchetto, passando di fatto la palla nelle mani dei sindacati. A questo punto lo sfratto appare inevitabile e il futuro lavorativo dei quindici operai (che settimana scorsa sembrava sereno) è invece sempre più a rischio.

Alle 10.30 sono arrivati i Vigili del fuoco.

Attorno a mezzogiorno gli operai sono scesi dal tetto.

WhatsApp Image 2019-09-27 at 07.46.33
Foto 1 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 08.14.00
Foto 2 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 08.15.27
Foto 3 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 08.18.50
Foto 4 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 08.15.18
Foto 5 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 08.51.15
Foto 6 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 10.36.42
Foto 7 di 8
WhatsApp Image 2019-09-27 at 10.35.45
Foto 8 di 8

Seguono aggiornamenti

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Resta sempre aggiornato sulle notizie del tuo territorioIscriviti alla newsletter