coronavirus

Nuovo Dpcm, la conferenza di Conte VIDEO

Il premier presenta il nuovo decreto varato oggi, domenica 18 ottobre 2020.

18 Ottobre 2020 ore 21:40

Atteso per stasera, domenica 18 ottobre 2020, il nuovo Dpcm.

Nuovo Dpcm, parla Conte

Ecco il video della conferenza stampa del premier Giuseppe Conte:

“Dobbiamo agire mettendo in campo tutte le misure necessarie a scongiurare un nuovo lockdown generalizzato. Il terzo trimestre appena concluso ha segnato una ripresa vigorosa nella nostra economia”.

Le misure

I sindaci potranno disporre chiusura al pubblico dopo le 21 di vie e piazze dove si creano assembramenti.

Tutte le attività di ristorazione sono consentite dalle 5 del mattino a mezzanotte con consumo ai tavoli, altrimenti fino alle 18. La consegna a domicilio è permessa senza vincolo orario, l’asporto fino a mezzanotte. Nei ristoranti massimo sei persone per ciascun tavolo.

Sale gioco e sale scommesse e bingo potranno restare aperte fino alle 21.

Confermate le attività scolastiche in presenza, per ogni ordine e grado.  Sospese invece le attività di convegni e congressi che dovranno essere svolte a distanza.

Sono vietate sagre e fiere locali, restano invece consentite quelle di rilevanza nazionale e internazionale.

Lo sport

Sullo sport le discussioni più serrate. Resta vietato lo sport di contatto a livello amatoriale, non sono consentite gare e competizioni dilettantistiche. Resta consentita l’attività individuale e l’attività sportiva a livello professionistico. Per quanto riguarda le palestre, restano aperte per una settimana.

“Abbiamo notizie varie e contrastanti. Spesso i protocolli sono rispettati puntualmente, altre volte no. Daremo una settimana di tempo per adeguare i protocolli di sicurezza e verificarne il rispetto, se avverrà non ci sarà ragione di sospendere. Altrimenti la settimana prossima saremo costretti a sospendere l’attività sportiva di palestre e piscine”.

“La strategia non è e non può essere quella di marzo”

“Siamo consapevoli che imporremo sacrifici economici a imprenditori e professionisti, che subiranno gli effetti negativi di queste misure. C’è da parte del Governo l’impegno a ristorarli. La strategia di adesso non può e non può essere la stessa della primavera. Eravamo privi di mascherine, privi di terapie intensive. Abbiamo lavorato intensamente, aumentato personale sanitario di 34mila unità, abbiamo più che raddoppiato i posti di terapia intensiva e sub intensiva e siamo pronti a fornire altre. Produciamo ogni giorno 20 milioni di mascherine chirurgiche, e siamo tra i pochi Stati a distribuire quotidianamente una mascherina chirurgica ad ogni studente, forza dell’ordine, Vigile del Fuoco. Fin qui abbiamo distribuito più di un miliardo di Dpi”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE

Turismo 2020
Top news
Glocal News
Foto più viste
Video più visti
Il mondo che vorrei
Gite in treno
Curiosità
ANCI Lombardia